Marche: rete regionale dei digital champion

Agenda digitale: il consulente del governo nazionale nelle Marche per incontrare la rete regionale dei digital champion.

Luna: “C’è un’Italia che vuole crescere e noi dobbiamo aiutarla”. Giorgi: “Stiamo creando una Smart Land, con infrastrutture e servizi a disposizione della comunità e del suo sviluppo innovativo e di conoscenza”

Riceviamo e pubblichiamo

L’assessore Paola Giorgi ha incontrato oggi Riccardo Luna, digital champion nazionale, per condividere le strategie di sviluppo ICT della Regione Marche in un contesto di “contaminazione digitale” con il gruppo dei digital champion regionali, presenti presso la sede della Giunta regionale. Luna è il “campione digitale” del governo nazionale, un consulente richiesto dall’Unione europea per promuovere i temi dell’innovazione tecnologica e dell’agenda digitale negli Stati membri. Coordina una rete di 837 campioni digitali sul territorio nazionale, in fase di implementazione anche nelle Marche. “C’è bisogno di vederci e parlarci per dare una mano a riformare il Paese, con tutta la passione che abbiamo – ha detto Luna aprendo l’incontro – Siamo in ritardo e il mondo cambia a una velocità incredibile. È normale che qualcuno rimanga indietro, noi dobbiamo, umilmente, aiutarlo. C’è un’altra Italia che vuole crescere e i campioni digitali sono come i medici senza frontiere: volontari che aiutano tutti a divenire cittadini digitali”. Ha poi ricordato che la figura del digital champion è stata istituita, nel 2012, dalla Commissione Barroso, in un periodo in cui il tema delle infrastrutture era centrale nella programmazione Ue.

La rete attivata in Italia ha avuto un “riscontro formidabile e Matteo Renzi è stato il primo sindaco a contattarci”. Molto c’è da fare, anche perché le scadenze incombono, come quella della fatturazione elettronica. A partire dal 31 marzo tutte le amministrazioni non potranno più accettare la fattura cartacea. Un tema che richiede “un salto di competenze non banale”, sul quale i digital champion si sono attivati con una serie di iniziative informative e divulgative che hanno visto impegnata anche la televisione pubblica nei vari notiziari nazionali e regionali “È stato un successo la sensibilizzazione e il coinvolgimento della Rai che ha anche prodotto un apprezzato spot informativo – ha commentato Luna – C’è bisogno di un’educazione digitale che, come avvenuto con la famosa trasmissione del maestro Alberto Manzi, consenta a tutti di acquisire competenze necessarie, che oggi sono quelle digitali. Da ogni territorio bisogna prendere le buone pratiche e replicarle a livello nazionale.

Nelle Marche, ad esempio, avete avviato esperienze significative come quelle dell’artigiano digitale e della scuola digitale che rappresentano un’eccellenza da valorizzare. È difficile coinvolgere i media tradizionali su queste tematiche, in quanto vivono Internet come una minaccia al proprio lavoro. Ma dobbiamo parlare alle persone, perché anche le buone notizie sono notizie che possono essere divulgate, se diventiamo rilevanti per il mondo dell’informazione”.

L’assessore Giorgi ha illustrato gli interventi realizzati nelle Marche con l’agenda digitale e gli investimenti previsti con la nuova programmazione europea. “La Regione Marche sta investendo moltissimo, sia dal punto di vista strutturale, che dei servizi, in quanto crede che la digitalizzazione sia una priorità per lo sviluppo del territorio. Nuove opportunità sono state offerte alle aree interne e ai vari settori della vita sociale, culturale ed economica marchigiana. Una scelta che sfrutta le opportunità della banda larga per fornire servizi di nuova generazione”. L’assessore ha ricordato i principali progetti avviati nelle Marche che coinvolgono la scuola, la fatturazione elettronica, il Wi-Fi gratuito nelle piazze dei comuni marchigiani, la diffusione della banda ultra larga che prevede altri 40 milioni di euro di investimenti con il nuovo Piano telematico regionale.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: