Ai dipendenti capitolini tocca aspettare Babbo Natale

Firmato un accordo che impegna Babbo Natale a trovare una soluzione per il contratto dei dipendenti Capitolini

Ebbene si, “l’esercito” ora è al completo, anche Babbo Natale è stato scomodato per tentare di mediare tra i sindacati e Ignazio Marino – con la sua squadra – entro il 24 dicembre sono attese soluzioni, e per questa magia anche il barbuto è stato messo in campo. L’assurdità pare non avere  limiti, considerando che per un accord-icchio di diciannove giorni si è addirittura sentito il bisogno di mettere nero su bianco con tanto di firme.

Ma non di tutti i sindacati che rappresentano i dipendenti capitolini, al tavolo c’erano CGIL, CISL, UIL, DICAP, CSA E LE RSSU, a firmare questo capolavoro natalizio solo CGIL e  CISL, gli altri pare abbiano deciso di non credere più a Babbo Natale. Dopo l’accordo di sospensione di un mese intero (!), adesso abbiamo un accordo che impegna qualcuno a fare qualcosa che deve precedere qualcos’altro, e deve farlo velocemente! driblando senza indugio tra mafiosi -accertati e sospetti- fiaccolate, scorte e rimpasti.

Nei giorni del “mafia capitale”, SenzaBarcode è, anche fisicamente, con gli Agenti di Polizia Locale e Municipale, non solo romani ma italiani; da Riccione intervistiamo Romolo Bonarota che è fiero e orgoglioso di affermare “noi non abbiamo firmato questo accordo” esattamente come non avevano sottoscritto la sospensione momentanea.

Se una settimana fa l’unica soluzione coerente per il contratto decentrato di tutti i dipendenti capitolini, sembrava la sospensione a data da destinarsi dell’atto unilaterale per permettere di modificarlo nei diversi punti inadatti, oggi alla luce di quanto sta accadendo e messi dunque in condizioni di non fidarsi -come cittadini e sindacati- di questa Amministrazione e politica, specialmente romana, sembrerebbe che l’unica soluzione sia stracciare ogni tipo di accordo e non sedersi neppure più al tavolo delle trattative almeno fino a quando ogni “cancro” non sarà estirpato alla radice.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Un giorno ha pensato che SenzaBarcode era il nome giusto per definirsi, poi ha fondato il sito. Qualche tempo dopo voleva una voce, e ha fondato la WebRadio. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: