Flash Milano: consegna premio Grande Ippocrate 2014

Il premio Grande Ippocrate 2014, verrà consegnato a Milano il 1 ottobre. Il riconoscimento agli studi sulle malattie rare quest’anno verrà assegnato alla professoressa Flora Peyvandi.

A seguire il comunicato stampa dell’Osservatorio Malattie Rare.

Il premio Grande Ippocrate per il ricercatore dell’anno 2014 alla professoressa Flora Peyvandi del Policlinico di Milano.

Il prestigioso riconoscimento di UNAMSI e NOVARTIS agli studi sulle malattie rare del sangue e l’impegno nella divulgazione.

Milano, 25 settembre 2014 – La giuria del Premio Grande Ippocrate 2014, giunto ormai alla sesta edizione, ha deciso di assegnare l’importante riconoscimento alla professoressa Flora Peyvandi, della Fondazione IRCCS Ca’ Granda, Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, in virtù degli studi condotti sulle malattie rare del sangue e per l’impegno nell’attività di divulgazione che ha consentito di avere una forte risonanza nella comunità scientifica e nell’opinione pubblica.

Alla consegna del Premio Grande Ippocrate 2014 interverranno Francesco Brancati, Presidente UNAMSI; Angela Bianchi, Head Country Communications & Government Affairs, Novartis Italia; Stefano Carugo, Presidente II Commissione Affari Istituzionali – Consiglio Regionale Lombardia e Gianluca Vago, Rettore Università degli Studi di Milano.

In occasione della Cerimonia avrà luogo la Lezione Magistrale “Malattie rare nel terzo millennio” della professoressa Peyvandi, che approfondirà gli ambiti dei propri studi, e la tavola rotonda “Malattie orfane di informazione” che tratterà la complessità della comunicazione sulle malattie rare, offrendo un contributo ad un tema sul quale, spesso, l’opinione pubblica è disorientata. Tra gli esperti, coordinati da Adriana Bazzi, del Corriere della Sera, interverranno Roberto Ferrari Direttore Unità Operativa di Cardiologia, Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ferrara; Alessandro Fiocchi, Responsabile Allergologia Dipartimento di Medicina Pediatrica, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Roma; Mario Melazzini, Assessore Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione Lombardia; Nicola Miglino, Giornalista scientifico, responsabile rapporti istituzionali UNAMSI; Flora Peyvandi, Premio Grande Ippocrate 2014 e Domenica Taruscio, Direttore Centro Nazionale Malattie Rare, Istituto Superiore di Sanità.

La professoressa Flora Peyvandi è Professore Associato di Medicina Interna presso l’Università degli Studi di Milano e Direttore del Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi e Direttore UOC Ematologia non Tumorale e Coagulopatie, Fondazione IRCCS Cà Granda, Ospedale Maggiore Policlinico di Milano. È inoltre responsabile dell’assistenza a pazienti affetti da emofilia, malattie rare della coagulazione e sindromi emorragiche e trombotiche.

Il Premio Grande Ippocrate per il ricercatore scientifico dell’anno, è stato istituito nel 2008 ed è nato dalla collaborazione tra UNAMSI – Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione – e Novartis, uno dei maggiori gruppi farmaceutici attivi in Italia, con l’obiettivo di valorizzare quei ricercatori italiani che uniscono, all’eccellenza del proprio lavoro scientifico, una comprovata capacità di comunicarne i risultati al grande pubblico attraverso i media.

 

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: