Flash Animalisti: Umbria modifica regolamento caccia

Umbria -modifica del regolamento caccia:  abbattimento con arco e freccia. L’assessore Cecchini incontra le associazioni. Caporale: “l’augurio è di essere ascoltati”

Grazie al mail bombing dell’Associazione “Animalisti Italiani Onlus”, alla manifestazione dello scorso 28 agosto presso il Palazzo della Regione e al sollecito di ritiro della proposta di modifica del regolamento della caccia – che prevede l’abbattimento di selezione di daini, caprioli, cervi e mufloni avvenuto consegnando durante la manifestazione alla Presidenza del Consiglio un documento scientificamente motivato, l’Assessore Fernanda Cecchini ha deciso di incontrare le Associazioni animaliste.

L’Associazione “Animalisti Italiani Onlus” partecipa con la rappresentante di Perugia, Laleh Rashtian e la componente del Direttivo Nazionale, Maria Carla Amoni.

Dichiarazione di Walter Caporale, presidente Associazione “Animalisti Italiani Onlus”:

“L’auspicio è di essere ascoltati e che la proposta di modifica del regolamento sia ritirata al più presto e si eviti la più grossa delle barbarie. La caccia con arco e frecce inserita nel regolamento per l’abbattimento di selezione – un modo per far cacciare tutto l’anno, indipendentemente dalla stagione di caccia con la motivazione del controllo numerico delle specie – è una grande barbarie. L’animale può essere colpito in maniera non letale e quindi morire da solo tra atroci sofferenze. Il ferimento di un animale, inoltre, potrebbe scatenare aggressività mettendo a repentaglio la sicurezza dei cacciatori stessi e degli altri avventori dei boschi (vedi fungaioli, come avvenuto in Trentino)”.

Foto di Tom Tietz via Shutterstock

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: