DiscoDays: la fiera a Napoli che fa risorgere il mito del vinile

Come ogni anno, torna l’appuntamento con DiscoDays, la fiera presentata a Napoli dove risorge, in tutta la sua maestosità, il mito del vinile.

Dodicesima edizione, più di 150.000 vinili presenti, un’esposizione tutta dedicata ai Queen: questi sono solo alcuni tra i numeri più rappresentativi del DiscoDays, la fiera del disco e della musica che si svolge a Napoli, nella cornice dello storico PalaPartenope. L’esposizione ha, come al solito, raccolto un incredibile seguito di visitatori, tra chi è cresciuto tra i vinili e chi, invece, sta scoprendo la magia del “classico disco” solo adesso, nonostante il dominio della tecnologia digitale rappresentata dagli ormai superati CD e dai più convenzionali file MP3.

Il DiscoDays ha dato l’opportunità a più di 50 espositori provenienti da tutta Italia di vendere vinili di tutti i tipi: dai piccoli 45 giri alle prime stampe dei leggendari 33 giri, tra album leggendari e vere rarità, fino alle ristampe degli ultimi anni, molto gettonate tra i venditori; ciò testimonia quanto il mito del vinile sia tutt’oggi vivo tra gli appassionati, sia per la sua maggior qualità audio, sia per l’effetto “nostalgia” che esso sa regalare. Dalla musica leggera fino al Rock, dal Jazz alle soundtrack dei film: il DiscoDays è una fiera che mette sul palco la musica a 360°. Anzi, a 360 giri.

Quest’anno, inoltre, è stato allestito uno stand denominato Queen Museum, dove è stato possibile ammirare diverse “memorabilia” dedicate alla storica band capitanata da Freddie Mercury: tra biglietti, locandine, lettere autografate ed articoli originali di giornale, l’esposizione ha permesso al pubblico di toccare con mano materiale praticamente introvabile, accontentando anche i fan più sfegatati dei mitici Queen.

Durante l’esposizione della fiera, tra l’altro, sono stati organizzati altri eventi a tema, tra cui numerose esibizioni live, l’assegnazione del Premio Fotografia per la Musica a Guido Harari, storico fotografo legato da sempre al mondo della musica, l’assegnazione di un altro premio, il Premio Rete dei Festival a “La Maschera”, e dulcis in fundo, un dj contest dove a farla da protagonista, ovviamente, c’è stato proprio il vinile.

Il DiscoDays tornerà nel mese di ottobre, perché il vinile rimarrà sempre in vita.

Giuseppe Senese

Sono un laureando in Scienze e Tecnologie Informatiche, che nutre anche numerose passioni come la musica, il cinema e il calcio. Adoro il Rock Progressivo degli anni 70' (soprattutto quello britannico e quello italiano) e sono un tifoso sfegatato del Napoli.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: