Odysséas, il nuovo album dei Syndone

Il 31 gennaio 2014 Fading/Altrock pubblicherà Odysséas, il nuovo album dei Syndone: con la partecipazione di Marco Minnemann e John Hackett!

Odysséas è il quinto album dei rinnovati Syndone, popolare new prog band attiva durante i primi anni ’90, tornata in azione con la reunion del 2010. Un affascinante concept album dedicato al viaggio e alla scoperta, impreziosito da svariate collaborazioni e dalla copertina A Oriente(1979) di Lorenzo Alessandri, uno dei più importanti esponenti del surrealismo pittorico italiano.

Rispetto a Melapesante (2010) e La bella è la bestia (2012), Odysséas mostra una band ancora più decisa, compatta e affiatata, che offre una versione aggiornata e dinamica del prog-rock sinfonico anni ’70. Alla formazione triangolare -Nik Comoglio: tastiere; Riccardo Ruggeri: voce; Francesco Pinetti: vibrafono- si aggiunge uno spettacolare batterista: Marco Minnemann!

Il popolare drummer tedesco (ha suonato, tra gli altri, con Steven Wilson, Adrian Belew, The Aristocrats etc.) ha registrato tutte le parti diventando qualcosa in più di un semplice special guest. Ha dichiarato Minnemann: “Ho appena registrato la batteria nel mio studio per questi fortissimi ragazzi della band italiana Syndone. Un gruppo con il quale lavorare è stato veramente piacevole. Non vedo l’ora di ascoltare tutto. E’ stato un piacere registrare per loro”.

Insieme a lui un altro straordinario musicista ha offerto la sua arte a Odysséas: John Hackett, flautista colto ed eclettico, noto soprattutto per la sua collaborazione con il fratello Steve Hackett. “E’ stato un immenso piacere registrare con i Syndone e aggiungere il mio flauto a una scrittura così raffinata. Grazie!”.

Venerdì 31 gennaio 2014 Odysséas sarà disponibile grazie a Fading, collana progressive diAltRock, una delle più autorevoli etichette internazionali di rock colto e d’avanguardia.

Info

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: