Nessuno tocchi Caino Emmerson Mnangagwa abolizione pena di morte

Dalle news dell’Associazione Nessuno tocchi Caino del 10 ottobre 2013. Emmerson Mnangagwa  in favore abolizione pena di morte

Nessuno tocchi Caino

Il ministro della Giustizia, degli Affari Legali e Parlamentari dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, ha dichiarato che userà il suo mandato per lottare in favore dell’abolizione della pena di morte, descrivendo la pratica come coloniale e disumana.

Parlando in occasione della Giornata mondiale contro la pena di morte ad Harare, Mnangagwa ha detto che la pena di morte è una violazione del diritto alla vita e una punizione coloniale diabolica contro cui si batterà fino alla sua abolizione.

“Sono un grande sostenitore dell’abolizione della pena di morte ed è un peccato che fino ad ora sia stata mantenuta. In relazione alla pena capitale, ho eliminato sei previsioni su nove la prima volta che sono stato ministro della Giustizia e farò pressioni per la rimozione totale della pena”, ha detto Mnangagwa.

Il Direttore Esecutivo di Amnesty International Zimbabwe, Cousin Zilala, ha espresso rammarico per la mancata opportunità di abolire la pena di morte durante il processo costituzionale, sostenendo che le disposizioni della nuova costituzione non sono sufficienti a garantire il diritto alla vita.

“Speriamo di portare il Paese verso l’adesione al trend globale abolizionista. La pena di morte non ferma la violenza e la perdita di un’altra vita non è giustizia”, ha detto Zilala.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: