Movimento Vite Sospese: Interrogazioni su Stamina

Movimento Vite Sospese: Interrogazioni su Stamina

Movimento vite sospeseRiceviamo e pubblichiamo. Per richiedere l’inserimento di un comunicato [email protected]

Due interrogazioni sulla sperimentazione del metodo Stamina verranno presentate in Parlamento da senatori e deputati del Pd, Pdl, Lega Nord, Sel e del Movimento Cinque Stelle. E’ il risultato di due incontri che i leader del Movimento Vite Sospese – nato per s ensibilizzare sulle cure con cellule staminali per pazienti affetti da patologie rare e gravissime – hanno avuto martedì 16 luglio con alcuni rappresentanti del Parlamento.

Dopo le proteste del 10, 11 e 12 luglio (il 12 luglio la protesta è stata interrotta per l’intervento diretto della senatrice Bonfrisco) a Roma e Brescia, dove i fratelli Biviano si sono incatenati davanti al Ministero della Salute della Capitale e agli Spedali Civili di Brescia, i leader del Movimento Vite Sospese sono stati ricevuti ieri (martedì 16 luglio) dalla senatrice Bonfrisco (Pdl), dal senatore Santini (Pd) e dai deputati Aiello (Sel) e Rondini (Lega Nord). Ai parlamentari, i rappresentanti dei malati gravissimi – tra loro c’era anche Roberto Meloni, un uomo affetto da distrofia muscolare – hanno chiesto di rendere trasparente la sperimentazione col metodo Stamina e di modificare la legge con la quale è stata autorizzata, poiché quest’ultima, creando una separazione tra malati di serie A e di serie B, è palesemente anticostituzionale.

Bonfrisco, Santini, Aiello e Rondini si sono impegnati in prima persona a riaprire il dialogo con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e anche con le altre forze politiche. Inoltre, si sono impegnati a rendere trasparente la sperimentazione facendola supervisionare da commissari super partes e di modificare la legge che, di fatto, impedendo la cura col metodo Stamina condanna a morte migliaia di persone.

La senatrice Bonfrisco ha poi annunciato che presenterà una interrogazione parlamentare. Nel pomeriggio, il presidente del Movimento Vite Sospese, Bruno Talamonti, il vicepresidente Pietro Crisafulli, l’avvocato Desirèe Sampognaro, ed il responsabile per la Campania del Movimento, Arturo Folgore, sono stati ricevuti in Senato dai senatori del Movimento Cinque Stelle, Taverna e Catolfo, ai quali hanno fornito la documentazione sul metodo Stamina della quale gli stessi senatori – coloro che hanno legiferato in materia – erano sprovvisti.

Sia Taverna che Catolfo si sono impegnati ad affrontare la problematica del conflitto d’interesse con i commissari. I rappresentanti del Movimento Vite Sospese hanno insistito affinché le cure compassionevoli con la metodica del professor Davide Vannoni vengano estese anche ad altri ospedali, poiché Brescia è inflazionato di richieste, in modo da alleggerire la lista d’attesa. Sia Taverna che Catolfo hanno annunciato una immediata interrogazione parlamentare.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: