Freddie Mercury diventa un ‘gorilla’: la statua della discordia

Una trovata che ha infastidito, e non poco, i fan della celebre rock band britannica: è apparsa a Norwich, infatti, una statua di un gorilla travestito da Freddie Mercury.

Freddie Mercury

 

I fan dei Queen avranno sicuramente avuto un poderoso sussulto nel transitare per le strade di Norwich, ritrovandosi davanti il proprio compianto beniamino in versione “scimmiesca”. L’idea è venuta allo scultore Mark Richardson, che nell’ambito di una mostra open-air, ha deciso di esporre diverse statue di sua creazione che raffigurassero Freddie Mercury in questa versione animalesca.

I tratti facciali corrispondono alla perfezione a quelli dell’ex frontman della rock band britannica, scomparso nel 1991 a causa dell’AIDS: l’idea è piaciuta sin da subito a Richardson, che ha speso più di 800 sterline per costruire e distribuire la sua opera per le strade della cittadina britannica. Ma l’idea, probabilmente, è piaciuta solo ed esclusivamente a lui.

I fan dei Queen non sono stati gli unici a lamentarsi in merito a tale trovata. Sulla questione è intervenuto addirittura Brian May, storico chitarrista del gruppo, che ha espresso tutto il suo disappunto sulla trovata di Richardson sia per questioni etiche, che d’immagine, definendo l’opera “meschina ed oltraggiosa”. Il manager della band e la fondazione che detiene i diritti di Mercury hanno quindi deciso di passare alle maniere forti, chiedendo la rimozione immediata delle famigerate statue.

statua-rimossaLa richiesta è stata accolta, come testimoniato dall’immagine in alto. Richardson, ovviamente, non l’ha presa particolarmente bene, dichiarando di aver perso letteralmente il sonno quando gli è stata riferita la notizia. Ma il dado è tratto: della statua “scimmiesca” di Freddie Mercury, d’ora in poi, rimarranno solo le immagini. Forse “ironizzare” su una persona morta (soprattutto così amata come Freddie) può aver toccato la sensibilità di molti, tra cui quella dell’eterno compagno di “scorribande” Brian May, ma sta di fatto che Richardson, a prescindere dalle sue intenzioni iniziali, irriverenti o meno, ci penserà su due volte prima di dare delle forme animalesche a star così idolatrate.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: