Cronaca

L’ associazione XV Maggio promuove la sicurezza stradale

associazione napoletana per la sicurezza stradale L’associazione XV Maggio nasce dopo la tragedia di via Petrarca che vide come vittime tre 19enni della “Napoli da bere”. Si tratta di un’associazione che ha carattere volontario e non ha scopi di lucro, la quale si ispira a principi di solidarietà, cooperazione e sviluppo sociale nel mondo giovanile.

Le famiglie e le vittime  degli amici hanno da subito creduto in questa iniziativa e, insieme, hanno preso coscienza dei limiti di una società che nel divertimento vede un confine da valicare ad alta velocità.

Sabato sera, nella zona bene di Napoli, alcuni giovani membri dell’ associazione XV maggio, insieme alla polizia municipale, armati di etilometro hanno somministrato a molti ragazzi il test per valutare il loro stato psicofisico e, dunque, assicurarsi se fossero in grado di mettersi alla guida. Nel caso in cui il guidatore  presentasse un tasso alcolico non conforme ai limiti previsti, l’associazione regalava un “buono taxi“per  tornare a casa in sicurezza e senza mettere in pericolo la propria vita e quella degli altri. I ragazzi si sono mostrati incuriositi da questa iniziativa e, la maggior parte di loro, ha deciso di fare l’alcol test.

Lo scopo dell’ associazione XV maggio è proprio quello di informare i ragazzi relativamente al rispetto delle regole circa la sicurezza stradale. La loro maglietta ha uno slogan davvero divertente:  “Non ti dico di non bere, ma soltanto di non metterti alla guida ubriaco, e se pensi che la patente sia più importante della tua vita, prova a salvare almeno quella; stasera ci siamo noi, domani pensaci tu”.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!