Ecoitaliasolidale e Arvalia “piano freddo insufficente”

Piano freddo a Roma qualcosa si muove, ma in netto ritardo. Ecoitaliasolidale e protezione civile Arvalia oggi proseguono  raccolta e distribuzione coperte.

Prosegue ad essere totalmente assente o prettamente insufficiente il piano freddo a Roma, tanto che in questi giorni abbiamo effettuato come Ecoitaliasolidale,  in sinergia operativa con la Protezione Civile Arvalia,  una serie di iniziative diurne e notturne per la distribuzione di pasti e vestiario fra i senza tetto presenti nelle strade della Capitale. È di oggi la comunicazione di Roma Capitale che avrebbe adottato una determina per l’affidamento di ulteriori 150 posti di accoglienza H24. Qualcosa tiepidamente si muove, ma comunque risulta ancora insufficiente e fuori tempo, se tutto va bene infatti l’attivazione delle nuove strutture sarebbero operative a partire dall’8 gennaio, dopo il grande freddo di questi giorni. Come al solito poi i numeri non tornano,  sta di fatto che  nella Capitale vi è una “città” invisibile composta da circa 7.700 senza tetto, la metà italiani,  di cui 3000 vivono in strada, fra i cartoni, sotto i cornicioni dei palazzi o lungo le Stazioni ferroviarie Termini, Tiburtina e Ostiense. Altri 2000  -dichiara il  Presidente di Ecoitaliasolidale Piergiorgio Benvenuti –  in alloggi di fortuna come edifici abbandonati e insediamenti abusivi.  Poi, ce ne sono altri 2500 che vengono ospitati in parrocchie, centri convenzionati di Roma e associazioni di volontariato. A questi si devono aggiungere 10mila famiglie in attesa di un alloggio popolare”.

“In queste notti con i nostri Volontari abbiamo raggiunto fra i cartoni e le poche coperte a disposizione persone, di tutte le nazionalità, con  un disagio terribile, soprattutto esposte al freddo, al limite della sopravvivenza”.

“Vogliamo ancora ricordare come a Roma  mentre chi amministra ha chiuso i tradizionali “nasoni” con un provvedimento inutile per l’emergenza idrica estiva ed ancora non ha provveduto alla riapertura danneggiando proprio i senza tetto, in questi giorni di feste natalizie sono state inaugurate alcune panchine anti-bivacco a due passi da piazza Bologna, ed è chiaramente –prosegue Benvenuti –  in ritardo il “piano emergenza  freddo”, ora aggiornato ma insufficiente ed in ritardo. Il Movimento Ecoitaliasolidale in sinergia con la Protezione Civile Arvalia,  anche oggi   prosegue  la raccolta di un bene di prima necessità per queste persone, le coperte”.

E non possiamo dimenticare –dichiarano gli organizzatori – come quest’anno già è morto assiderato un rumeno alla stazione Tuscolana, ed il 19 dicembre vi è stato un decesso sui marciapiedi della stazione Termini ”. “Con queste giornate della Solidarietà  –conclude Benvenuti – abbiamo voluto accendere un faro sulla città invisibile, per illuminare le coscienze di tutti, ma soprattutto per chiedere alle Istituzioni di intervenire con tempestività”.

Con Ecoitaliasolidale e Protezione Civile Arvalia l’appuntamento come preannunciato è per oggi

sabato 30 dicembre con la “Tenda della Solidarietà” a Viale Marconi angolo Via Grimaldi dalle 16 alle 20 per la raccolta di coperte.  Il materiale verrà immediatamente distribuito questa notte, partendo alle ore 21.30 dalla sede di Via Giovanni Aldini, 29.

Al Gazebo ed alla distribuzione del materiale raccolto sarà presente il Presidente di Ecoitaliasolidale, Piergiorgio Benvenuti ed il Presidente della Protezione Civile Arvalia, Luciano Trauzzola, la Presidente di  Federstrade, Mina Giannandrea, mentre nel giro notturno parteciperà anche la campionessa del mondo di marcia, Giuliana Salce che quest’anno si è battuta contro la chiusura dei “nasoni” a Roma.

*Foto di repertorio da web

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: