Roma

Prima Giunta nuove cariche e governance AMA

La nuova Giunta Capitolina si è riunita questa mattina ha approvato le cinque delibere all’ordine del giorno. Albino Ruberti, capo di Gabinetto. Paolo Aielli, Direttore generale. Angelo Piazza AU AMA.

Sono stati formalizzati i primi incarichi apicali degli Uffici del Sindaco, tra cui quello del capo di Gabinetto, Albino Ruberti, e quello del Direttore generale Paolo Aielli, che sarà in carica dal 1° dicembre. La Giunta ha poi approvato la delibera relativa alla nomina di un Amministratore unico pro tempore di Ama S.p.A. 

Il nuovo Amministratore Unico avrà come primo compito la definizione di un nuovo assetto di governance, che prevederà il ruolo del Direttore Generale, una figura di alto profilo ed esperta della materia che sarà selezionata con procedura di evidenza pubblica. Completata la procedura di nomina del Direttore Generale, la governance sarà composta da un Cda di tre membri, nel quale l’Amministratore Unico pro tempore assumerà la carica di Presidente.

Angelo Piazza Amministratore Unico Pro tempore

L’assemblea straordinaria di Ama, che si è svolta oggi pomeriggio nella sede dell’azienda, ha nominato l’avvocato Angelo Piazza amministratore unico pro tempore della municipalizzata capitolina dei rifiuti, dopo avere preso atto delle dimissioni di Stefano Zaghis.

La candidatura di Angelo Piazza è stata avanzata dal socio unico Roma Capitale, rappresentato dal sindaco con delega alle Società partecipate, Roberto Gualtieri.

Angelo Piazza, 66 anni, è professore universitario e avvocato patrocinante in Cassazione, con specializzazione in diritto civile, commerciale, societario e in materia di appalti pubblici, concessioni e servizi pubblici locali.

Attualmente, tra gli altri, ricopre gli incarichi di membro del Consiglio di amministrazione di Italia Trasporto Aereo Spa e dell’organismo di Vigilanza della società Leonardo Spa ed è componente arbitro della Camera arbitrale presso Anac. È stato ministro della Funzione Pubblica, magistrato ordinario e amministrativo, nonché Avvocato dello Stato e docente presso la Scuola superiore della Pubblica amministrazione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

“Ringrazio Angelo Piazza per avere accettato l’incarico e rivolgo a lui gli auguri di buon lavoro” ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri

È una figura di alto profilo e garanzia che permetterà ad Ama di intraprendere il necessario percorso di cambiamento e sviluppo industriale: il primo compito sarà l’indizione a breve della procedura ad evidenza pubblica per l’individuazione del nuovo direttore generale. Il suo ruolo di amministratore unico pro tempore, che successivamente si trasformerà in quello di presidente del Cda, garantirà da una parte la continuità dei servizi erogati e la soddisfazione dei bisogni dei romani, a partire dall’impegno di Ama nella pulizia straordinaria della città, in corso dall’1 novembre, e dall’altra l’attuazione delle misure di razionalizzazione, risanamento e sviluppo dell’azienda fino alla definizione del nuovo assetto societario”.

“Ama deve essere protagonista della transizione ecologica della Capitale, dotandosi di tutti gli impianti e i mezzi decisivi, insieme all’indispensabile contributo dei propri lavoratori e lavoratrici, a rendere Roma una città pulita ed autosufficiente nella gestione del proprio ciclo dei rifiuti – ha aggiunto Gualtieri – Solo in questo modo si potrà raggiungere quell’efficienza necessaria per trasformare in risorsa quello che fino ad oggi è stato un problema e a trasferire ai cittadini, attraverso la riduzione della Tari, i benefici di questo cambio di paradigma”.

“Ringrazio Roma Capitale per avere proposto la mia nomina e l’Assemblea di Ama per averla approvata

affidandomi un incarico di prestigio, grande impegno e responsabilità – ha detto il neo amministratore unico, Angelo Piazza – Mi metterò subito al lavoro per dotare l’azienda della governance necessaria per affrontare con successo le importanti sfide che la attendono. Nell’immediato la già avviata pulizia straordinaria della città e allo stesso tempo le trasformazioni indispensabili per cogliere tutte le opportunità offerte dalla transizione ecologica. La più grande monoutility italiana dei rifiuti deve disporre di tutte le infrastrutture industriali idonee a farla diventare un player di alto livello nel panorama nazionale del settore, valorizzando il grande capitale umano di cui dispone”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!