Lazio

Concorso Lo spaventapasseri più originale

Concorso “Lo spaventapasseri più originale” il 4 luglio al Museo della Civiltà Contadina di Anguillara.

Iniziativa gratuita dell’Associazione Culturale Sabate inserita nel calendario Giorniverdi-Vivi i Parchi del Lazio con il patrocinio del Comune di Anguillara. Si tratta di un concorso dedicato al fantoccio che da sempre scaccia dai campi gli stormi di uccelli che tornano dopo la migrazione e minacciano il frutto del duro lavoro del contadino. Lo spaventapasseri più originale.

Lo spaventapasseri è un personaggio “amico” dell’agricoltore che campeggia nel podere e fa mostra di tutta la sua bruttezza così da scongiurare l’attacco dei volatili. Una tradizione contadina tuttora valida in cui si rinnova anche l’estro del contadino che si dedica alla costruzione dell’uomo di legni e di stracci. Si può partecipare come singoli ed associazioni realizzando anche in loco, con propri materiali o con quelli messi a disposizione dall’associazione, un proprio spaventapasseri che sarà esposto lungo un percorso nel centro storico di Anguillara.

Ogni spaventapasseri realizzato vedrà abbinato a una scheda realizzata a cura del Parco sulle specie di uccelli presenti nell’area protetta

Una giuria composta da artisti a giudizio insindacabile assegnerà un primo premio consistente in un buono pranzo per due persone in un ristorante locale. Il Concorso “Lo spaventapasseri più originale” è inserito nel Calendario Giorniverdi – Vivi i Parchi del Lazio e si avvale del patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia.

Appuntamento: ore 10 – Gratuito – Prenotazione al 360/805841 associazionesabate1@tiscali.it.

Foto di happylittleone da Pixabay

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!