Leggere per riflettere e…stare bene

Come la musica, la letteratura è una parte fondamentale per lo sviluppo della coscienza critica e dell’amore per la bellezza. Leggere fa bene dunque.

Ma quali sono le letture più indicate per una persona fragile? Eviterei sicuramente storie tragiche e drammatiche. Mi concentrerò invece su storie vere o assolutamente immaginarie poiché entrambe hanno la forza comunicativa dell’inesplicabile e, per tanto, del diverso.

Per ragazzi con disturbi autistici o di attenzione consiglierei dei fumetti di supereroi ma anche dei semplici fumetti di topolino. I supereroi spesso non sono capiti dagli altri coetanei e vengono anche presi in giro ed esclusi (Spiderman). Lo specchiarsi in un personaggio per ragazzi con autismo è importantissimo, non solo per migliorare la propria capacità comunicativa (riportando frasi intere del personaggio) ma anche per accrescere la propria autostima. I supereroi sono indicati anche per ragazzi con limitate capacità di movimento perché “leggere” porta ad immaginare mondi diversi e ad aspirare a nuovi traguardi.

Una storia vera che ho letto recentemente e chi mi ha fortemente toccato è “L’Avversario” di Carrère

Il fuoriclasse scrittore e sceneggiatore francese, racconta la storia vera di Jean Claude Ramond, padre di famiglia e marito stimato da tutti che si rivela essere poi un assassino. Poter scoprire come la mente umana, quella più pacifica è capace di cambiare e modificare la realtà percepita mi ha portato a riflettere su ciò che noi consideriamo normale (e non lo è) e diverso. Non pensate che sia un libro che inneggia alla violenza, tutt’altro.

Per questo lo consiglio a chi si sente intimidito e sopraffatto dagli altri, perché, per Carrère, l’avversario contro cui Jean Claude si trova a combattere è il pregiudizio.

Un libro che mescola noir, realtà e soprannaturale è “The Outsider” di Stephen King, autore che consiglio vivamente perchè ha la capacità di descrivere la mente umana come pochi altri. Nel libro e nella serie ci si imbatte in Holly una detective molto particolare. Ad un certo punto lei racconta di come da piccola i suoi genitori, notando le sue straordinarie ma stranissime attitudini, la portarono da psichiatri, comportamentisti e sociobiologi della mente per capire cosa avesse, per riprenderla, studiarla, farle fare dei test e delle prove videoregistrate per “guarirla”.
King si domanda come hanno potuto i suoi genitori permettere che le facessero tutto questo?

Holly risponde : “Avevano paura. Pensavano che i medici potessero guarirmi”. Guarire dall’essere te stessa?

Questa è la domanda che mi pongo e vi propongo in questa riflessione.

Ascolta il mio podcast “Disabilità e benessere” su WebRadio SenzaBarcode Segui #noncera su Facebook, Instagram e Twitter.

Foto di Виктория Бородинова da Pixabay

Emanuela Fatilli

Emanuela Fatilli nata a Busto Arsizio dove tutt'ora vive, nel 1973 é sposata e madre di due figli Giovanni e Giacomo. Lavora presso l'ospedale di Magenta dal 1996 in qualità di Tecnico di Radiologia. Ha pubblicato il suo primo libro, " La casa infestata che non c'era l'albergo aperto", nell'ottobre del 2018 per la casa editrice milanese "Excogita ". Da settembre 2019 collabora con la WebRadio SenzaBarcode come speaker e autore per il programma Disabilità e Benessere.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: