Costruzionista; la seconda fase del M5S Lazio

Il M5S Lazio annuncia l’inizio della seconda fase costruzionista in via della Pisana attraverso l’attivazione di strategie di voto con lo scopo dichiarato di aiutare la Regione Lazio a scongiurare il crack.

Il M5S Lazio annuncia l’inizio della seconda fase costruzionista in via della Pisana attraverso l’attivazione di strategie di voto con lo scopo dichiarato di aiutare la Regione Lazio a scongiurare il crack

La neoeletta capogruppo Silvana Denicolò ha dichiarato:

“Siamo stati costruttivi sin dal nostro arrivo in Regione ma abbiamo dovuto affrontare l’ostilità dei vari partiti non inclini a soddisfare le esigenze dei cittadini. Le nostre proposte, mozioni ed interrogazioni sono quasi sempre state bocciate, quindi abbiamo deciso di passare ad una seconda fase costruzionista, ovvero l’uso massivo dell’emendamento come leva nella coscienza della maggioranza.

Ieri Zingaretti ha annunciato urbi et orbi che aumenterà per un’altra volta l’aliquota dell’IRPEF più cara d’Italia e che opererà alcuni tagli. La prima nostra proposta è quella di risparmiare sull’ennesimo pozzo nero, eliminando l’istituzione dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile dalla proposta di legge 42 che presenterà in questi giorni in Campidoglio. Noi del M5S Lazio, cosi come alcuni esponenti del PD di altre regioni, crediamo che sia l’ennesimo baraccone inutile pagato da tutti per far lavorare i pochi. Un’agenzia non serve a nulla, soprattutto avendo le adeguate risorse già nei ranghi dei dipendenti regionali, basta riorganizzare.

Per aiutare il consiglio in questa riflessione presenteremo quindi oltre mille emendamenti più altrettanti per la legge sul riordino delle società regionali, scritti da noi e non con un software come fanno altri, li sottoporremo ai colleghi consiglieri sperando che condividano il nostro spirito costruzionista e il desiderio di risparmio e di non sentirsi responsabili di un futuro rimpianto.”

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: