Segnalazioni WhistleBlowing Globaleaks per SenzaBarcode

WhistleBlowing con Globaleaks, per avere l’assoluta certezza del rispetto dell’anonimato del segnalante. Non solo per i dipendenti PA, ma per chiunque desidera segnalare un reato.

SenzaBarcode ha sposato Globaleaks per permettere ai suoi lettori di fare segnalazioni tramite il whistleblowing. Letteralmente soffiare nel fischietto, il whistleblower è colui che vuole segnalare una frode, un pericolo o un rischio che potrebbe danneggiare colleghi, clienti o cittadini che ne potrebbero restare vittima.

L’anonimato è garantito dal sistema Globaleaks e dal browser Tor

I riceventi (personale interno di SenzaBarcode) vaglieranno le segnalazioni e agiranno d conseguenza in maniera differente ed attenta per ogni segnalazione. Il whistleblowing è assolutamente legale e già collaudato da diversi anni. Grazie a Globaleaks c’è la possibilità di interagire con i riceventi della segnalazione, sempre in totale anonimato, è possibile inviare materiale pdf, jpg, mp3 etc. Inoltre è possibile accedere alla segnalazione più volte anche per integrarla.

Il whistleblowing con SenzaBarcode non è destinato solo ai dipendenti della Pubblica Amministrazione, è a disposizioni di chiunque ravvisi un problema avendo la garanzia che non subirà ritorsioni, ma con la certezza che ogni segnalazione sarà vagliata attentamente.

Scarica TorBrowser.

Invia la tua segnalazione.

Come accedere alla segnalazione
Figura 1

Quando è presente l’indicazione di “Pericolo” allora la segnalazione è “Riservata” ma non è garantito al 100% che la segnalazione sia “Anonima” (potrebbe essere controllato il traffico web per verificare da dove la segnalazione è stata fatta e da questo risalire al mittente). Questo può essere un rischio accettabile per alcune segnalazioni, per cose particolarmente sensibili o quando le segnalazioni possono mettere a rischio il segnalante è consigliabile utilizzare una modalità anonima.

Per essere veramente anonimi su Internet è possibile scaricare un browser adattato ad utilizzare una infrastruttura sensibile alla privacy chiamato TorBrowser.

Figura 2

Usando TorBrowser e connettendosi allo stesso link di segnalazione:

In questo caso, come mostrato in figura, il sistema mostrerà un semaforo verde specificando che la connessione è effettivamente “Riservata” e “Anonima”. Il server (e chiunque altro) non può conoscere da dove la connessione è stata attivata e quindi il segnalante è considerato, dal punto di vista della connessione di rete, anonimo.

Il questionario di segnalazione da compilare è molto semplice e include un semplice titolo breve, una descrizione del fatto accaduto, che dovrebbe essere il più dettagliato possibile, e permette di allegare materiali (documenti, file audio o video) significativi.

La qualità del materiale che viene inserito renderà la segnalazione effettivamente utile, più informazioni si includono più sarà possibile verificare le affermazioni fatte e dare seguito alla segnalazione.

Il segnalante dovrà decidere se includere all’interno del suo materiale anche dati o informazioni che possano identificarlo. Il sistema garantisce che i dati inseriti saranno visionabili solo dal destinatario della segnalazione (neppure i tecnici hanno accesso a queste informazioni che sono tutte crittografate con le chiavi in possesso solo al destinatario). Se il mittente ritiene che non è ancora il momento di svelare la propria identità può sempre farlo in un momento successivo ma mantenere attivo un canale di comunicazione anonimo con il destinatario.

Figura 3

Il secondo ed ultimo passaggio della segnalazione prevede l’accettazione specifica di aver letto alcune condizioni ulteriori per migliorare la riservatezza della propria comunicazione.

Premendo il pulsante “invia” la segnalazione è crittografata e mandata al destinario.

Figura 4

Al segnalante verrà mostrato un numero univoco. Questo numero è in possesso SOLO del segnalante (non è disponibile al destinatario) ed è l’UNICA informazione che permette di poter mantenere un collegamento con la segnalazione se si vuole successivamente avere informazioni su di essa.

Bisognerà memorizzarla in un posto sicuro (senza altre informazioni che possano collegarlo alla segnalazione stessa).

Figura 5

Per seguire l’andamento del proprio caso è possibile rientrare nella segnalazione usando il numero ottenuto al passo precedente nella casella in alto a destra della pagina di segnalazione.

Figura 6

Nella pagina di status della segnalazione è possibile rivedere le informazioni già fornite, verificare se il destinatario ha visto la pagina, avere eventuali commenti dal destinatario, aggiungere nuove informazioni e file per arricchire la segnalazione.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: