Un pacchetto di divorzio insieme al pane. Per i figli vedremo

divorzio2

Secondo le stime, in Inghilterra, Gennaio è un mese molto attivo per quanto riguarda i matrimoni, si quelli che iniziano, sia quelli che finiscono.

Secondo il Telegraph, ogni anno, a Gennaio aumentano gli accessi a un sito internet che promuove il matrimonio in Chiesa. È pur vero anche che il primo lunedì lavorativo dopo le feste natalizie è detto D-Day, Divorce Day. Si tratta del  giorno con più richieste di separazione in Gran Bretagna.

Già divorzio, perché se in Italia la situazione non è rosea –vai agli approfondimenti di SenzaBarcode– anche in quel di Londra non scherzano, ma per altri motivi.

La crisi di questi anni non è argomento nuovo, né i tagli che i governi fanno sui settori più disparati. E fondamentali. In Inghilterra, per esempio, sono stati tagliati fondi per l’assistenza legale fornita dallo Stato. Le coppie che si presentano in tribunale senza rappresentanza, senza potersi permettere un avvocato divorzista, adesso hanno una possibilità diversa.

Sta infatti spopolando la moda dei kit “fai da te” e i siti internet che offrono pacchetti di consulenza per gli aspiranti divorziatori. Ce ne sono parecchi, racconta l’Indipendent che li ha recensiti, tra cui il recentissimo -Gennaio 2013- Divorce Depot dove si possono comprare consigli utili per un costo che va dalle 99 alle 475 sterline. Ma anche i supermercati Tesco e la catena di librerie Wsmith si sono attrezzati con i rispettivi kit.

Queste soluzioni sono sicuramente meno onerose di un avvocato, che molte famiglie non si possono certamente permettere, ma qual’è la garanzia che siano altrettanto validi? Già i divorzi seguiti da avvocati non è che filino proprio così lisci…

Certo è anche che i cittadini inglesi non facoltosi in qualche modo devono organizzarsi, ma il problema di fondo resta che lo Stato non dovrebbe venir meno a certe prerogative, lasciando così nei guai il suo popolo. La situazione potrebbe peggiorare ad Aprile, mese in cui il governo Camerun ha programmato la quasi totale rimozione dell’assistenza per i casi di divorzio.

Ma c’è di più, la consulenza sull’affido dei figli, decisamente la più importante, sarà concessa solo nei casi in cui si è verificato un abuso sessuale.

E qui non commento perché le parole parlano da sole.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: