Serie A: La Juventus fatica, ma batte il Pescara 2-1

E’ finita 2-1 la sfida che vedeva contrapposte la prima, la Juventus, e l’ultima in classifica, il Pescara, allo Juventus Stadium. I padroni di casa hanno dovuto faticare non poco per portare a casa i tre punti, essendosi ritrovati di fronte un Pelizzoli in grande forma. E’ servita una doppietta di Vucinic per regalare la vittoria alla Juve, che si avvicina sempre più allo scudetto.

Juventus-Pescara

Conte opta per il turn-over, lasciando in panchina Buffon e Pirlo, in vista del ritorno di Champions di mercoledì (9 aprile), e deve fare i conti con un’emergenza in difesa, con Chiellini e Barzagli squalificati. Trovano spazio Marrone e Peluso che completano la difesa a tre con Bonucci, Pogba, Ghiaccherini ed Asamoah si aggiungono a Vidal e Lichtsteiner a centrocampo, spazio a Giovinco e Vucinic in attacco. Il Pescara deve fare a meno di Celick, squalificato, e Bocchetti, infortunato.

La Juventus parte alla grande, costantemente in possesso del pallone e creando non poche occasioni da gol. Soltanto nei primi 20 minuti i bianconeri vanno vicinissimi al vantaggio in due occasioni: al 13’ Giaccherini deve fare i conti con un miracolo di Pelizzoli; dopo appena quattro minuti Giovinco spreca malamente, calciando direttamente sul portiere. Ma non finisce qui, continua l’assedio della Juve verso l’area di rigore del Pescara, ma la porta è meravigliosamente difesa da Pelizzoli, che negli ultimi minuti del primo tempo nega il vantaggio ai padroni di casa prima deviando sul palo una conclusione di Quagliarella, entrato al posto di Giovinco infortunatosi al 31’, poi compiendo un vero e proprio miracolo su un tiro di Giaccherini.

Il secondo tempo sembra essere la fotocopia del primo: la Juventus attacca, Pelizzoli para. Soltanto al 73’ i bianconeri riescono a portarsi in vantaggio, grazie ad un rigore assegnato per un fallo di Rizzo su Vidal, letteralmente atterrato. Il difensore del Pescara viene espulso (decisione un po’ esagerata), sul dischetta va Vucinic che non sbaglia. Il gol sembra una liberazione per la Juve, che approfittando anche della superiorità numerica, continua ad attaccare e al 78’ raddoppia, sempre con Vucinic, che riceve da Asamoah, con precisione, mette la palla in rete. Sul finire il Pescara riduce il gap, con un gol bellissimo di Cascione, che da 25 metri beffa Storari.

Una partita fondamentalmente a senso unico, che ha visto opposte più che la Juventus ed il Pescara, la Juventus e Pelizzoli, assoluta star del match. I bianconeri riescono a portarsi a casa i tre punti, che le permettono di allungare, momentaneamente su Napoli e Milan, e di avvicinarsi sempre più allo scudetto. Nel frattempo c’è da concentrarsi sulla partita di mercoledì e servirà la migliore Juve per ribaltare un risultato difficile, il 2-0, e accedere alle semifinali di Champions.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: