Sbk : Portimao il 5° round Superbike. Aprilia difende Sikes attacca

Veduta aerea Portimao CircuitMondiale Superbike, a Portimao il 5° round, Laverty e Guintolì piloti Aprilia si devono difendere dall’assalto di Tom Sikes e Melandri.

Portimao, il 9 giugno 2013 va in atto il 5° round del Mondiale SBK. Circuito di rara bellezza, motociclisticamente parlando, Portimao è uno dei circuiti più belli con sali e scendi e curve da 180 km/h e tante staccate da mal di braccia. Solitamente il round finale del campionato SBK, quest’anno  arriva ad un 1/3 del mondiale, decretando chi dei protagonisti sarà il primo su questo tracciato unico.

Melandri e Tom Sikes sono gli inseguitori, entrambi veloci e con due mezzi dal motore eccezionale. La BMW S1000RR di Marco Melandri non è perfetta e il Ravennate fatica spesso a trovare in fretta il giusto setting per la gara, tuttavia sembra aver ripreso un buon passo e se anche qui farà un buon risultato potrebbe rimettersi in corsa per il mondiale. La Kawasaki di Sikes ha trovato il suo cavaliere informa come non mai, certo la moto di Akashi è migliorata molto nella tenuta in gara, ma l’inglese ci mette molto del suo e il suo palmares di questo 2013 lo dimostra con ben 7 podi e 3 vittorie su altrettante gare. Loro, sono inseguitori, e grandi avversari di Aprilia.

Le due moto di Noale sono le regine del mondiale, Sylvain Guintolì e Eugene Laverty i loro cavalieri pronti a difendere la cima della classifica. Guintolì è intesta al mondiale e il compagno subito dietro, staccato di una manciata di punti. Il circuito si adatta bene alle due RSV4, come testimonia la vittoria del 2012 di Laverty, il primo atteso ad un bis in terra portoghese, che tra l’altro lo porterebbe intesta al mondiale. La RSV4 è la moto più versatile del lotto e con un gran motore, che gli consente di tenere testa alle due dirette rivali BMW e Kawasaki.

Le Ducati, purtroppo risultano N.P. (non pervenute n.d.a.) durante gli ultimi quattro round. L’attesa inizia ad essere pressante, mentre la mancanza di risultati e il continuo, infinito, distacco dagli avversari sottrae certo serenità alla squadra Alstare. Carlos Checa non è ancora recuperato, il dolore alla spalla continua ad infastidirlo, mentre il compagno Ayrton Badovini non sembra riuscire a trovare il bandolo della matassa per conto suo. Il lavoro prosegue ma Ducati combatte su due fronti, MotoGP e SBK, non una situazione agevole per fare un lavoro alacre e redditizio.

Oggi Venerdì le prime prove libere, sempre poco indicative, ma che come caso vuole vedono le Aprilia sempre tra i primi. Ecco dunque la prima presa di contatto con il circuito più bello del Mondiale SBK. Attendendo la domenica per conoscere le vere forze in campo.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: