70mila chiamate al NUE solo per la Polizia Locale di Roma

Comunicato stampa da Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale – SULPL. Chiamate al NUE, dichiarazioni di Stefano Giannini.

“Oltre 70.000 telefonate al 112 NUE ( Numero unico di emergenza regionale) sono state dirottate alla Polizia Locale di Roma perché si trattava di incidenti stradali senza feriti “ informa Stefano Giannini Segretario di Roma del SULPL “ è quanto si apprende ad una risposta scritta fornita dalla Regione Lazio al Consigliere Regionale Fabrizio Santori e pubblicata sul nostro blog

“A questi dati mancano tutti gli altri nostri interventi relativi agli incidenti stradali con feriti o mortali, gli abusi commerciali ed edilizi, le occupazioni di immobili e gli accampamenti “ prosegue Giannini “ tutto un lavoro oscuro del centralino 112 che non risulterebbe mappato ma che comunque impegna gli operatori”

“Tutto il resto viene passato alla nostra centrale operativa LUPA al numero 06/67691 che, alla partenza del NUE, fu praticamente declassato ad un semplice numero di un ufficio comunale qualsiasi invece che quello di una centrale di polizia “ continua Giannini “ lasciando i cittadini che richiedono interventi in un limbo tra telefono che squilla a vuoto (squilla libero anche se occupato in altra telefonata) e cadute di linea improvvise”

“Ci chiediamo chi potrebbe aver sottovalutato l’impatto della Polizia Locale sul NUE tra i diversi enti coinvolti  “ conclude Giannini “ e chiediamo alla Sindaca Raggi ed al Comandante Porta un di semplice accorgimento che può intanto ridurre i problemi dei cittadini: mettere un disco audio che avverta chi ci chiama che deve restare in linea in quanto l’operatore è già impegnato in altra telefonata.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: