Nessuno tocchi Caino: Bielorussia nella paura, emettono condanne a morte

Dall’Associazione Nessuno tocchi Caino. La gente in Bielorussia è costretta a vivere in un clima di paura, perché tribunali “guidati politicamente” stanno emettendo condanne a morte, ha dichiarato un inviato speciale delle Nazioni Unite.

Nessuno tocchi Caino

9 ottobre 2013: Miklos Haraszti, inviato speciale Onu per la situazione dei diritti umani in Bielorussia, si è detto insoddisfatto del sistema giudiziario del Paese.

“Sono profondamente deluso per quanto riguarda le decisioni dei tribunali bielorussi che continuano ad emettere sentenze di morte per i cittadini”, ha affermato.

Cinque esecuzioni sono state effettuate in Bielorussia e tre condanne a morte sono state confermate per uomini riconosciuti colpevoli di omicidio quest’anno. L’Inviato ha ricordato che la Bielorussia è l’unico paese europeo che conserva ancora la pena di morte.

I gruppi per i diritti umani criticano il governo bielorusso, accusato di mettere a tacere i suoi critici. Haraszti ha riferito che c’è una generale mancanza di trasparenza nel sistema giudiziario del Paese, che rende più preoccupante il suo record sulla pena capitale.

“E ‘inaccettabile che i bielorussi debbano vivere nel timore che tribunali non trasparenti e politicamente guidati pronuncino condanne a morte al termine di una procedura senza garanzie di processo equo o diritto di appellarsi agli organismi internazionali”, ha aggiunto.

Per saperne di più

 

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: