Mario Pianesi e il suo impero macrobiotico

Un impero macrobiotico, potremmo definire così il business creato da Mario Pianesi, ora accusato di essere a capo di una psico setta con centinaia di adepti.

Un’indagine partita dalle procure di Ancona e Forlì. Cinque persone indagate a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, ai maltrattamenti. Dalle lesioni aggravate all’evasione fiscale. È questa, a grandi linee, l’incredibile vicenda che farebbe capo a Mario Pianesi e ad altri suoi quattro collaboratori dell’associazione Un punto macrobiotico. L’indagine è partita nel 2013 dalla denuncia di una ragazza, che ha raccontato alla polizia di aver creduto alle promesse miracolose del presunto capo della psico setta. Sempre secondo la ragazza, Pianesi avrebbe affermato che la sua dieta sarebbe stata in grado di guarire malattie altrimenti incurabili. Cure basate solamente sull’alimentazione, evitando assolutamente la medicina tradizionale.

Da quanto si apprende dalle prime indiscrezioni sui risultati delle indagini, il guru della psico setta avrebbe creato alcune società riconducibili a lui. Pare che pretendesse dagli adepti delle donazioni necessarie, a suo dire, per vari scopi. Uno di questi è la realizzazione di una grande clinica per la pratica di cure alternative alla medicina ufficiale. Sembrerebbe inoltre che gli adepti fossero, in molti casi, obbligati a lasciare il loro lavoro per mettersi al servizio dell’associazione di Mario Pianesi , di fatto gratuitamente. Gli investigatori hanno spiegato che l’esame dei conti bancari ha permesso di appurare il transito e il deposito delle donazioni su conti personali e dei familiari dei principali indagati.

Ma chi è Mario Pianesi?

Di Mario Pianesi si sa che è nato a Tirana nell’aprile del 1944, da madre montenegrina e padre marchigiano. Partendo da una fattoria macrobiotica, nel 1980, fonda un movimento, Un punto macrobiotico, arrivando ad avere più di cento punti vendita sparsi in Italia. Un business a sei zeri, fatto di ristoranti, punti vendita, corsi di formazione e di divulgazione. Nonostante per il nostro Paese abbia la licenza di scuola media inferiore, Pianesi vanta nel suo curriculum diverse onoreficienze, contatti e collaborazioni con esponenti di Onu, Fao, Unesco. Non solo.

Essersi fermato alla scuola dell’obbligo non vieta a Mario Pianesi di fregiarsi del titolo di professore e di sbandierare alcuni riconoscimenti Internazionali. Ne parla nel 2014, in un’intervista rilasciata alla vigilia della consegna di un’onorificienza da parte dell’Università di Urbino. “Nel 2007 il Presidente dell’Accademia delle Scienze della Mongolia, Prof. Baataryn Chadra, mi ha dato la Laurea Honoris Causa come Professore di Scienze. Per aver risolto alcuni problemi ambientali, nel suo Paese. E una Laurea Honoris Causa come Dottore in medicina per aver risolto alcune patologie con la mia dieta”.

Al di là della veridicità di questi titoli accademici, Mario Pianesi è sicuramente riconosciuto come uno dei primi sostenitori e divulgatori del macrobiotico in Italia

Una dottrina basata sui principi dello yin e dello yang e che, proprio per questo motivo, divide gli alimenti in due gruppi. La dieta Ma.Pi. (da Mario Pianesi) si basa essenzialmente su cibi non trattati e ritenuti sostenibili per l’ambiente. L’associazione Un punto macrobiotico produce da sè i suoi prodotti, che poi vanno a costituire la dieta dei suoi seguaci. Un sistema di produzione basato su delle regole molto rigide e precise, come l’uso costante dello stesso terreno, con alberi piantati ad almeno cinque metri l’uno dall’altro. I punti vendita di Mario Pianesi sono sparsi in quindici regioni italiane, con una maggior concentrazione in Romagna, Abruzzo, Marche e Lombardia.

Secondo gli inquirenti sarebbero circa 90mila i seguaci dell’associazione Un punto macrobiotico

Un’associazione che, secondo Mario Pianesi, si prefigge, come si legge nello Statuto (art.3), “di diffondere un’alimentazione più sana ed equilibrata. E una filosofia di rispetto e amore per aria, acqua, terra, vegetali, animali e tutti gli esseri viventi”. Sempre a detta di Pianesi, l’Associazione è ente morale riconosciuto, ed ente nazionale con finalità assistenziali riconosciuto dal Ministero dell’Interno. Di certo c’è che si tratta di un impero, e di ristoranti dove quasi tutti, almeno una volta, siamo andati a mangiare. Magari spinti dalla curiosità per un regime alimentare particolare e così diverso dalla nostra dieta abituale.

Le indagini andranno avanti, valutando tutti i casi che sono stati segnalati alle autorità, e le responsabilità di Mario Pianesi e dei suoi collaboratori. Casi e responsabilità che, se confermati, delineerebbero uno scenario inquietante. Con persone malate allontanate dalla medicina tradizionale e spinte verso fantomatiche cure miracolose. O ancora, soggetti deboli, sarebbero state ridotti in schiavitù, carpendo la loro fiducia durante conferenze volte a plasmare le vittime e a prendere il controllo delle loro vite.

Giuseppina Gazzella

Classe 1984, marchigiana di nascita, cittadina del mondo per natura. Scrive e canta con la consapevolezza, la voglia e la pretesa di fare meglio ogni giorno, e di crescere sempre, perché sentirsi arrivati equivale all’essere morti.

Cosa ne pensi?

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: