Lunga Vita Festival. All'Accademia Nazionale Danza - SenzaBarcode

Lunga Vita Festival. All’Accademia Nazionale Danza

Teatro Classico e contemporaneo all’Accademia Nazionale di Danza di Roma. Progetto Lunga Vita Festival 2018. Il 14 giugno la presentazione, dal 13 al 20 luglio, il Festival.

Progetto Lunga Vita Festival porta per la prima volta il Teatro sul grande palcoscenico dell’Accademia Nazionale di Danza e apre alle collaborazioni internazionali con un nuovo asse Italia-Spagna e lancia il bando per Skene Lab. All’insegna del rapporto tra Teatro Classico e Contemporaneo, nasce il gemellaggio con il Festival Internacional de Teatro Clasico di Almagro. Fra gli ospiti di PLVF 2018, artisti come Stefano Benni, Ascanio Celestini, Giorgio Colangeli, Maddalena Crippa, Filippo Dini, Lindsay Kemp, Francesco Montanari, Moni Ovadia, Nadia Baldi, Elisabetta Pozzi.

Il programma dettagliato sarà presentato dagli artisti al pubblico e alla stampa la sera di giovedì 14 giugno (ore 19.30) negli spazi in allestimento dell’Accademia Nazionale di Danza (Largo Arrigo VII, 5, 00153 Roma)

Il Progetto Lunga Vita Festival – rassegna di teatro, danza, musica, arte e workshop, con la direzione artistica di Davide Sacco e la direzione organizzativa di Ilaria Ceci – diventerà un Festival nell’ambito dell’Estate Romana, e avrà come sede uno dei luoghi più affascinanti e magici della capitale. Da venerdì 13 a venerdì 20 luglio 2018, l’Accademia Nazionale di Danza sul colle Aventino si trasforma per la prima volta in un polo di incontro intitolato a tutte le arti della scena e non solo: otto giorni di eventi non stop dedicati al Mito e al Contemporaneo, inseriti in una cornice architettonica e paesaggistica ideale. La terrazza e il giardino del sito ospiteranno maratone di pittura, esposizioni, meeting e un ciclo di grandi incontri, oltre ad attività dedicate ai bambini e lezioni di storia in varie lingue, mentre sul palcoscenico si alterneranno gli spettacoli in cartellone.

Fiore all’occhiello del Festival sarà l’apertura di Skenè Lab, III edizione del progetto “Tradizione – Il teatro di domani”, realizzato con il sostegno di SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori

Lindsay Kemp, Stefano Benni, Filippo Dini e il prof. Giuseppe Rocca saranno i docenti di un’accademia internazionale per 30 giovani professionisti della scena selezionati su bando, e finalizzata alla produzione di opere originali ispirate alla tragedia classica. Il corso si chiuderà con la presentazione di un estratto dei nuovi lavori al pubblico di Progetto Lunga Vita Festival e a una giuria di esperti. Lo spettacolo vincitore debutterà con residenza al Festival di Segesta.

In questo contesto, particolarmente attento alle relazioni interregionali e internazionali, nasce il nuovo gemellaggio fra la manifestazione romana e il Festival Internazionale del Teatro Classico di Almagro (Spagna) diretto da Ignacio Garcìa

Dedicato alla drammaturgia del XVI e XVII secolo in lingua spagnola, il festival, ormai giunto alla sua 41a edizione, è considerato uno dei più importanti del mondo nella sua specificità: un evento culturale imperdibile che si svolge durante il mese di luglio ad Almagro (Ciudad Real), splendida città monumentale di origine romana, nella pianura della Mancia. L’accordo inizia quest’anno con la promozione incrociata dei due festival nei rispettivi paesi, e si concretizzerà nella stagione 2019/2020 con la dedica al Secolo d’Oro della prossima edizione del progetto “Tradizione – il teatro di domani” e l’impegno ad ospitare le reciproche produzioni.

L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: