Soppresse fermate linea 81 V Municipio

V Municipio: soppresse fermate della linea 81. Di Silvestre (Cpi): “La Raggi lascerà tre quartieri a piedi. No alla limitazione a S.Giovanni!”

 Con l’apertura della Stazione Metro C S.Giovanni, i quartieri del Prenestino-Labicano e Pigneto dovranno fare a meno di una delle linee storiche di trasporto pubblico su gomma, la linea 81. Contro questa decisione della giunta grillina si schiera Giuseppe Di Silvestre, responsabile per il V Municipio di CasaPound Italia, giudicandola una “menomazione della mobilità, in particolar modo a danno degli anziani che utilizzano l’autobus per raggiungere ben tre ospedali”. “Con la frequenza di un treno ogni dodici minuti – afferma in una nota Di Silvestre – la Metro C si appresta a diventare l’ennesimo collettore ingolfato facente parte del trasporto pubblico della Capitale”.

“L’amministrazione pensa di supplire alle carenze di un sistema colabrodo con l’aggiunta delle fermate metro Lodi e Pigneto e addirittura abolendo una decina di fermate della linea 81- continua Di Silvestre – se non fosse che questa linea rappresenta il mezzo più utilizzato dalla cittadinanza che, anzi, ne chiede un rafforzamento. L’utilità dell’81 è rappresentata in termini maggiori dal servizio di collegamento che offre con gli ospedali San Giovanni, Fatebenefratelli e Santo Spirito: lasciare gli anziani senza la possibilità di raggiungere nel minor tempo possibile, e con il minimo sforzo, uno di questi nosocomi è da irresponsabili”.

“CasaPound è pronta ad appoggiare qualsiasi petizione per il ripristino della linea

Se questo è il metodo grillino per donare lustro alle periferie, non vediamo nessuna differenza tra loro e uno dei qualsiasi partiti tradizionali. O forse sopprimere linee e fermate è l’escamotage della giunta Raggi per non rimpiazzare i mezzi carbonizzati della flotta Atac?”

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: