Governo Letta: Ministro Josefa Idem

Ministro Josefa Idem Nata a Goch, Germania, nel 1964, italiana dal 1990, anno in cui ha sposato il suo allenatore Guglielmo Guerrini, Josefa Idem è stata nominata dal Premier Enrico Letta, Ministro Per le Pari Opportunità e lo Sport.

E di sport di sicuro la Signora Idem se ne intende, è infatti l’unica donna nella storia della Canoa Italiana ad aver vinto un Campionato Mondiale ed un’Olimpiade, per un totale di 38 medaglie nel corso di tutta la sua storia da sportiva.

Da buona campionessa non ha mai avuto paura delle sfide, né della fatica necessaria a raggiungere l’obiettivo prefissato e lo ha dimostrato subito dopo aver saputo che le era stato affidato un Ministero, dichiarando infatti: “Faccio come ho sempre fatto, rimbocco le maniche e mi metto al servizio del Paese”.

La sua carriera politica ha visto l’avvio con la nomina ad Assessore allo sport del Comune di Ravenna nel 2001, posto che ricoprirà per sei anni. Dopo essersi candidata alle primarie del Partito Democratico ed aver passato il turno nel 2012, si presenterà come capolista per l’Emilia – Romagna per il Senato alle elezioni politiche del 2013 e sarà eletta.

Entusiasta della possibilità datale da Letta, ha puntualizzato fin da subito la gratitudine verso il Primo Ministro e la stima nei confronti di un uomo giovane, ma non inesperto, che ha puntato sui giovani e le donne, per la creazione di un Governo che dimostri fin da subito di essere diverso.

Nonostante le indiscusse capacità relative al settore Sport – prima dichiarazione, quella di voler insegnare il valore dello sport ai bambini, già dalle scuole elementari grazie all’ora di educazione fisica- vorremmo che il neoministro non dimenticasse che il suo è anche il ministero per le Pari Opportunità. A lei quindi spetterà il difficile compito di stilare proposte che permettano all’intera collettività di veder rispettati i diritti di tutti. Auspichiamo che Josefa Idem porti all’attenzione della camera i temi che SenzaBarcode propone da sempre, i matrimoni omosessuali, coppie di fatto, adozioni e divorzio breve. La società mondiale, insieme a quella italiana, sta cambiando e la politica ha il dovere di tutelare questi cambiamenti.

Per ora il Ministro ha pensato alla creazione di una Task Force interministeriale per placare la triste ondata di violenza sulle donne, che dall’inizio dell’anno a oggi ha provocato la morte di ben 25 persone, proponendo l’istituzione di un osservatorio nazionale che analizzi la natura dei violenti e studi metodi precisi per evitare che simili tragedie possano perpetuarsi nel nostro Paese.

Marika Massara

Nata e cresciuta in provincia di Milano, emigrata in Calabria, adottata da Roma, non posso che definirmi italiana. Amo la mia Calabria, il mare d'inverno e il Rock. Da sempre attenta alla politica (più che ai politici), non posso che definirmi assolutamente di sinistra. Segni particolari: Milanista sfegatata.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: