Campidoglio, il Grand Tour d’Italia di Google a Roma

Google Grand Tour d’Italia. Capolavori, tradizioni e bellezze del nostro Paese rivivono online attraverso la tecnologia. Al MACRO Testaccio il 2 e 3 dicembre l’esposizione gratuita.

Google porta a Roma il Grand Tour d’Italia, un viaggio tra alcuni dei tesori culturali, dei capolavori e delle tradizioni del nostro Paese che oggi rivivono online attraverso la tecnologia, sulla piattaforma Google Arts & Culture o visitando g.co/grandtour. Il progetto, promosso da Roma Capitale Assessorato Crescita Culturale e Assessorato Roma Semplice, è realizzato in collaborazione con il Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, Outdoor Project by nufactory, Fondazione Musei Civici di Venezia, Accademia dei Fisiocritici, Consorzio per la Tutela del Palio di Siena e Teatro Massimo di Palermo.

La tappa di Roma è stata inaugurata oggi al Macro Testaccio

alla presenza della Sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi. Del Vicesindaco con delega alla Crescita Culturale Luca Bergamo, dall’Assessora a Roma Semplice Flavia Marzano. Del Direttore Public Policy di Google in Italia, Grecia e Malta e Google Arts & Culture Giorgia Abeltino, del Presidente del Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO Paolo Petrocelli, del co-fondatore e direttore generale di Nufactory Francesco Dobrovich, e del Direttore Marketing di Google in Italia Vincenzo Riili. A seguire il Vicesindaco Bergamo con l’artista Amir Issaa hanno dibattuto sul valore e sulle sinergie che nascono dal connubio tra arte, cultura e tecnologia.

Grazie al Grand Tour d’Italia, utenti da ogni parte del mondo possono rivivere tradizioni senza tempo, guardare da vicino capolavori ad altissima risoluzione e scoprire innovazioni, che hanno cambiato per sempre il mondo moderno: 4 città (Venezia, Siena, Roma e Palermo), 10 Cardboard tour, 25 video, 21 Tour con tecnologia Street View, 38 mostre digitali, oltre 1300 tra immagini, fotografie e video per scoprire curiosità, storie legate alla cultura e all’intrattenimento, ma anche alla scienza, allo sviluppo urbano, alla tecnologia e molto altro ancora.

A Roma, questo viaggio diventa anche un’esperienza reale. Nel week end del 2 e 3 dicembre, lo spazio allestito nel Padiglione 9b del Macro Testaccio e aperto al pubblico dalle 14 alle 22 si animerà di installazioni e di tecnologia, aprendo le porte gratuitamente al pubblico scoprire come queste storie affascinanti prendono vita, celebrando i tesori della città, e molto altro. Tutto questo grazie alle più avanzate tecnologie di Google: da ARCore fino a Tilt Brush e DayDream.

In particolare, nello spazio saranno disponibili una serie di installazioni, dedicate a ciascuna delle città protagoniste del progetto Grand Tour.

Grazie ad Art Camera sarà possibile ammirare i segreti del Canaletto a Venezia in altissima definizione, in un viaggio in cui arte e scienza si combinano armonicamente all’ombra del magico contesto veneziano. Indossando il visore Google DayDream sarà poi possibile immergersi nella vita delle diciassette contrade di Siena, con particolare riferimento alla tradizione del Palio che da secoli scandisce i ritmi della vita cittadina. Google Earth VR accompagnerà invece i visitatori in un viaggio che consentirà loro di esplorare le mille facce di Palermo: dalle meraviglie dell’architettura normanna alla vita quotidiana nelle vie tradizionali.

La realtà aumentata di Google renderà poi possibile scoprire la storica statua di Pasquino di Roma, dove i cittadini erano soliti apporre le loro invettive satiriche indirizzate contro il potere: una sorta di vero e proprio precursore dei moderni social network. In esclusiva per Roma – a seguito del Road To Grand Tour nelle Biblioteche e nei Punti Roma Facile – il contributo degli studenti che hanno partecipato ai seminari interattivi sarà restituito con realtà aumentata durante i due giorni a Testaccio. Il tutto sarà infine arricchito da 4 installazioni in 3D, una per città, con tecnologia Tilt Brush.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: