Diritti dei figli, uguali

tribunale_202E’ finalmente arrivata la notizia da sempre tanto attesa: i figli naturali sono equiparati ai figli legittimi, nati all’interno del matrimonio.

Mai più “figli di serie b”. Risultato storico. Il disegno è diventato legge alla Camera con 366 favorevoli, 31 contrari, 58 astenuti. Questa innovazione tocca da vicino 100mila figli naturali nati nel nostro Paese, quasi il 20% del totale.

 Fino all’entrata in vigore di questa legge, in Italia, vi era il folle panorama di diversità tra i bambini, tra i loro diritti e i loro doveri. Fratellastri e sorellastre, parole che solo a pronunciarle suonano al quanto male e che, da oggi, potremo mettere nel dimenticatoio, prendere una penna e cancellarle dal vocabolario, andando invece, a rinforzare, sottolineare, mettere in grassetto ancor di più, la parola uguaglianza.

 Questo il concetto che ha spinto i 366 voti favorevoli della Camera:

“Il figlio ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni. Il figlio ha diritto di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti. Il figlio minore – che ha compiuto gli anni dodici, e anche di età inferiore ove capace di discernimento – ha diritto di essere ascoltato in tutte le questioni e le procedure che lo riguardano. In tutti gli articoli del Codice le parole figli legittimi e figli naturali sono sostituite semplicemente da figli”.

 L’innovazione non si ferma qui, doloroso toccare il tema dei figli nati da incesto – bimbi nati da persone legate da vincolo di parentela, fino al secondo grado – però troviamo anche su questo tema un miglioramento: è stato riformulato l’art. 251 del codice civile e ampliata la possibilità di riconoscimento dei figli nati da queste relazioni.

 Anche per la situazione dei figli contesi, non dimentichiamo e non riusciamo a togliere dagli occhi le immagini di Leonardo, il bambino conteso tra mamma e papà portato via con forza all’uscita di scuola, vi è un’altra modifica del Senato, in caso di controversie tra i genitori, dei procedimenti di affidamento e mantenimento dei figli si occuperà, d’ora in avanti, il Tribunale ordinario.

Fa sempre piacere quando vengono migliorate situazioni riguardanti bambini, che spesso pagano colpe assolutamente non loro, il diritto all’istruzione e ad avere un fratellino e una sorellina, non un fratellastro e una sorellastra.

Resoconto stenografico dell’Assemblea

Seduta n. 723 di lunedì 26 novembre 2012

Resoconto stenografico dell’Assemblea

Seduta n. 724 di martedì 27 novembre 2012

Moretto

Scrive su SenzaBarcode dalle origini.
Redattore, imprenditore

2 pensieri riguardo “Diritti dei figli, uguali

Cosa ne pensi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: