Dedem: un’istantanea dell’Italia dagli Anni Sessanta ai giorni nostri

Con le sue cabine per fototessere Dedem fotografa le facce degli italiani dagli Anni Sessanta. Dal bianco e nero al colore, dall’analogico al digitale, dai primordi della tecnologia all’avvento dei computer: la storia in una cabina.

E nei suoi primi 55 anni di vita può raccontare per immagini oltre mezzo secolo di storia italiana, di cui ha registrato e accompagnato costumi, evoluzioni e cambiamenti, fotografandoli. Fondata nel 1962 da Dan David, Pierre e Philippe Wahl a Roma, cabina dopo cabina, città dopo città, Dedem si è affermata negli anni quale leader assoluto in Italia e Spagna nella fabbricazione e gestione di macchine automatiche per fototessere (le prime in Europa a recepire la regolamentazione UE sulla produzione di foto per documenti a norma ICAO, che chiede di rispettare determinati parametri internazionali per la riconoscibilità e dunque la sicurezza).

Con 9mila apparecchiature dislocate tra Italia (6.000), Spagna (2.200), Israele, Turchia e Romania, Dedem scatta ogni anno oltre 10 milioni di fotografie.

Per rispondere alle sfide dei tempi

il Gruppo Dedem ha saputo mantenere salda la sua identità, ma sempre innovandosi ed evolvendo. L’azienda ha infatti allargato il suo business al settore del leisure – con il brand di locali per il divertimento delle famiglie YOUNGO- e a quello dell’information technology e dell’e-government, con – per esempio – la stampa e la consegna delle patenti di guida agli italiani (Dedem ne stampa 30mila al giorno), grazie alla vittoria del relativo bando del Ministero dei Trasporti. E strizza sempre l’occhio alle più nuove tecnologie, tanto da diventare distributore ufficiale delle avveniristiche stampanti 3D Systems e dei rivoluzionari simulatori di guida Simumak, la soluzione didattica più innovativa per una guida sicura, personalizzata ed eco compatibile, a tutto vantaggio dei cittadini, delle aziende e dell’ambiente.

Oggi Dedem, che ha la sua sede principale in provincia di Roma, ad Ariccia, conta 500 dipendenti e ha come mercati di riferimento principali Italia e Spagna

Esempio virtuoso e di successo di Made in Italy, nonostante la crisi che si è abbattuta sul nostro Paese (e non solo), è riuscita a non fare licenziamenti, ma, anzi, a continuare a crescere di anno in anno, passando dai circa 37 milioni di fatturato del 2011 agli oltre 60 milioni dell’ultimo esercizio, aprendosi all’internazionalizzazione senza cedere alle sirene della delocalizzazione. E per dare continuità e compimento al progetto imprenditoriale dei fondatori, a giugno il CEO del Gruppo Dedem, Riccardo Rizzi, ha promosso un’operazione di management buy-out: i manager dell’azienda hanno acquisito il Gruppo dai fondatori della società, i cui eredi partecipano in qualità di azionisti di minoranza. Per continuare a dare voce a una realtà che, nel produrre e gestire macchine sempre più innovative e integrate nella geografia urbana, da 55 anni è a servizio dell’uomo, semplifica la vita del cittadino, fotografa e accompagna il Paese che cambia.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: