Braccialetti per stalker: conflitto d'interessi per la Cancellieri?

Braccialetti per stalker: conflitto d'interessi per la Cancellieri?

Come i tormentoni estivi, destinati a riproporsi fino alla nausea, torna anche il tormentone braccialetti elettronici.

E’ del 9 maggio la dichiarazione del ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, che proponeva il braccialetto elettronico per tenere lontani gli stalker. Dopo i criminali ai domiciliari, è il turno dei persecutori.

Braccialetti per stalking: conflietto d'interessi per la cancellieri?

La Cancellieri, infatti, ha un braccialetto pronto per tutti i tipi di crimine. Forse perché dietro la sua battaglia pro dispositivo c’è un’ombra di conflitto d’interesse.

La questione braccialetti esplode nel 2012 con il rinnovo della convenzione per la produzione di braccialetti, firmata tra il ministero degli Interni e il gruppo Telecom Italia, che dal 2001 ha fornito il servizio di dispositivi elettronici di controllo. I bracciali entrati davpievero in funzione sono solo 14 nell’arco di 10 anni, dal 2001 al 2011. In media fanno 5,7 milioni a pezzo per un totale di 81 milioni di euro, pagati dal Ministero dell’Interno al gruppo Telecom.

A settembre, la Corte dei Conti definisce “antieconomico e inefficace” l’uso del Personal identification device destinato a sorvegliare i detenuti agli arresti domiciliari: “Il rinnovo della convenzione con la Telecom, per una durata settennale, dal 2012 fino al 2018, ha reiterato perciò una spesa antieconomica e inefficace che avrebbe dovuto essere oggetto, prima della nuova stipula, di un approfondito esame” e di “riflessione, trattative, se non comparazione con altre possibili offerte”.

Insomma, un enorme spreco di denaro pubblico, secondo la Corte dei Conti, un affare, invece, per Telecom.  Nel 2012, a settembre, proprio poco dopo il rinnovo della convenzione, in Telecom viene assunto come alto dirigente Piergiorgio Peluso, che è il figlio di Annamaria Cancellieri. Nel 2012 – appena insediata – il ministro Cancellieri rinnova il contratto con Telecom per altri 7 anni, fino al 2018. Una scelta quantomeno discutibile da parte di un Governo, quello Monti, che era chiamato a far quadrare i conti: 100 milioni di euro in dieci anni, 10 milioni di euro l’anno, per uno strumento utilizzato fino a ora pochissimo.

Ora, la Cancellieri traghettata dall’Interno al ministero della Giustizia con il neo governo Letta, rispolvera l’idea del braccialetto. Questa volta per arginare lo stalking e il femminicidio. Ci si augura che la proposta possa effettivamente essere valida, anche se rimane il dubbio che più che fare gli interessi delle donne si facciamo quelli della famiglia.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: