Bayern chapeau! Juventus fuori dalla Champions

La Juventus deve alzare bandiera bianca contro un avversario, il Bayern Monaco, che si è dimostrato in queste due partite nettamente superiore. Non c’è stata storia, né all’andata né al ritorno. Non si tratta di sfortuna o del caso, la vittoria dei tedeschi è pienamente meritata e il punteggio esprime in pieno la superiorità dei monegaschi rispetto ai bianconeri, 2-0 all’Allianz Arena e 2-0 anche a Torino. Se da un lato il risultato è l’espressione della forza del Bayern, dall’altro esso dimostra quanto la Juventus abbia ancora da lavorare per poter competere con le grandi d’Europa. Primi, senza effettivi rivali, in Italia, contro una delle squadre più forti del vecchio continente, i bianconeri hanno dovuto arrendersi e decretare la netta superiorità dei tedeschi.

Juventus-Bayern

La Juventus parte meglio questa volta, in un primo tempo abbastanza equilibrato, con occasioni da gol per entrambe le formazioni: i padroni di casa si rendono pericolosi con Vucinic e con Pirlo su punizione, mentre il Bayern, soprattutto con il solito Muller e Alaba, che ha chiamato in causa Buffon, che è sembrato decisamente più in forma rispetto all’andata. Nel secondo tempo, però, i tedeschi hanno ricominciato a fare sul serio, mostrando quella superiorità che si era vista la settimana scorsa a Monaco. Prima Robben va vicinissimo al gol, da ottima posizione l’olandese calcia a giro con il sinistro ma prende il palo. Qualche minuto più tardi arriva il vantaggio del Bayern con Mandzukic che ribatte in rete la respinta di Buffon su una conclusione di Martinez: incolpevole il portiere bianconero che non poteva fare di più. Con la qualificazione già in tasca, i vice campioni d’Europa raddoppiano con Pizarro, bissando il risultato dell’andata.

Non ci sono dubbi su chi meritasse il passaggio del turno, per due match senza storia. Va però tenuto in considerazione il cammino che ha portato la Juventus ai quarti, con l’eliminazione del Chelsea, squadra vincitrice della Champions lo scorso anno, e del Celtic. I bianconeri hanno dovuto fare i conti con una delle più grandi al momento, e sicuramente, insieme al Real Madrid , una delle favorite per la vittoria finale.

Barcellona-PSG 1-1 – Nell’alto match di giornata, il Barça ha dovuto faticare e non poco per ottenere la qualificazione. Il 2-2 dell’andata era un risultato sicuramente favorevole per i blaugrana, tant’è che è bastato l’1-1 a Messi e compagni per raggiungere la semifinale per la quinta volta consecutiva, a testimonianza della grandezza di questa squadra. Il Barcellona di oggi però è decisamente più vulnerabile, non è più la squadra imbattibile di qualche anno fa e proprio i due match contro il PSG lo dimostrano. I francesi avrebbero meritato il vantaggio già nella prima frazione di gioco e lo avrebbero ottenuto se non fosse stato per Valdes. Lo 0-1 arriva al 51’ con Pastore, che fa sognare i suoi. Al 70’ però i padroni di casa trovano il pareggio con Pedro che regala la semifinale al Barça. Il PSG di Ancelotti può però uscire a testa alta, considerando che ha giocato alla pari dei blaugrana, uscendone imbattuto, anche se eliminato.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: