A causa di un uomo

imagesParlavo l’altra mattina con Matteo, il mio amico barista, mi raccontava di questa sua conoscente, ridotta ad uno straccio a causa di un uomo. La sua domanda, candida quanto legittima quanto stupida, è stata “Ma perché lei gli ha permesso di prenderla in giro?”.

Andiamo con ordine. Questa ragazza era sola da qualche tempo, vuoi per una storia finita male o per mancanza di materia prima, e si era in un qualche modo abituata a bastarsi. Per tutto, dai complimenti ai regali. A causa anche di una qualche mania ossessivo compulsiva o di nevrosi non meglio specificate che, a volte, noi donne ci troviamo incluse nel dna, si è ricostruita una routine quotidiana, fatta di lavoro, film, uscite con le amiche, yoga, piscina ed aromaterapia. Non che si trovasse male in questa situazione, ma la mancanza per un periodo di tempo abbastanza prolungato di una persona a fianco le aveva creato una sorta di aridità nell’anima. E questo le aveva causato, nemmeno a dirlo, una certa insicurezza, e una lieve mancanza di autostima in se’ stessa.

Gira che ti rigira, conosce questo ragazzo: bel viso, modi gentili ed affabili, disponibile ed, udite udite, single!

Senza pensarci due volte, decide di uscire e di iniziare una relazione con lui. L’unica cosa che la stupisce è il fatto che lui non voglia mai dormire da lei, o che non le voglia mostrare casa sua. Ma è talmente presa dalla situazione, che non si sofferma più di tanto su questi dettagli.

Gli amici, invece, si accorgono dei segnali di allarme, mettendola in stato di allerta.  Ma lei, noncurante, crede solo a quegli occhioni scuri, che tanto la fanno sentire importante.

Finchè – un momento di svolta era necessario – il cerbiattino non sbaglia ad inviare un messaggio, facendole così scoprire che, oltre al fatto di essere “l’altra”, è anche una povera illusa.

Bum, come una doccia ghiacciata.

Lei gli ha permesso di prenderla in giro nel modo più inconscio possibile: era stanca di essere sola, e aveva un disperato bisogno di qualcuno accanto. E così, si è ritrovata dalla padella alla brace. Inspiegabilmente, una ragazza con tutte le possibilità del mondo, si ritrova a non saper più gestire la propria vita, a causa dei primi occhi scuri che si trova di fronte, probabilmente anche a causa dell’ancestrale terrore di rimanere soli che caratterizza un buon numero di relazioni.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: