Arte e Cultura

È Natale anche a Nettuno

Nettuno si appresta a trascorrere le feste natalizie con una serie di iniziative che coinvolgeranno più luoghi della città.

Il 15 dicembre ha inizio “Natale a Nettuno tuttinsieme” grazie all’impegno della Proloco “Forte San Gallo”, il Patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Nettuno, e la collaborazione dell’Associazione Ristoratori “Nettuno in Tavola”.

Si potrà assistere a concerti, partecipare ai laboratori dedicati ai bambini e a tante altre attività che vedranno coinvolgere la cittadinanza. In sostanza ce n’è per tutti i gusti, anche grazie agli stand gastronomici in Piazzetta Sacchi o al Presepe a grandezza naturale in Forte San Gallo.

Ma ciò che carica di maggior significato questo Natale “tuttinsieme” sono le “Prove di teatro” a Piazza Cesare Battisti. L’Associazione “Liberi teatranti&teatranti” e la Cooperativa “Ninfea”, in collaborazione con l’Associazione Italiana Persone Down, faranno esibire i bambini e i ragazzi che ormai da due anni partecipano al laboratorio “Fragili come il vetro ma non trasparenti”, un ciclo di incontri basati sulla teatro terapia. Queste “Prove di teatro”, così come le ha volute chiamare Giampiero Bonomo (colui che grazie al “Teatro Studio 8” di Nettuno ha avviato questo percorso di formazione e inclusione), sta permettendo di trasformare delle piccoli/grandi persone in grandi attori, sviluppando la loro capacità artistica quale elemento fondamentale per una migliore inclusione sociale e relazionale.

Un impegno che vede coinvolte anche le famiglie di questi attori “speciali” e gli educatori della Cooperativa “Ninfea” di Nettuno, da anni impegnata per il supporto, in ogni ambito, alle persone affette dalla Sindrome di Down e alle loro famiglie.

È importante partecipare per condividere e includere chi ci sta vicino. E poi, non si può perdere l’occasione di apprezzare e applaudire le SUPERSTAR che si esibiranno.

Di Claudio Chiavari

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

error: Condividi, non copiare!