Lo cunto de’ la scortecata al Teatro Lo Spazio

Va in scena il 27 e il 28 aprile al Teatro Lo Spazio, Lo cunto de’ la scortecata di Vincenzo Longobardi, antica favola in cartone animato, ispirata a Giambattista Basile.

 Lo cunto de li cunti. Trattenemiento de peccerille di Giambattista Basile fu definito dal filosofo Benedetto Croce “il più antico, il più ricco e il più artistico fra tutti i libri di fiabe popolari”. Una recente analisi condotta da Michele Rak ha sottolineato, invece, la natura ‘aperta’ dei racconti basiliani, ponendo in risalto il rapporto tra narratore, testo e performance. E’ quest’ultimo aspetto che la versione teatrale di Vincenzo Longobardi, ispirata al racconto de’ “La vecchia scorticata” del Pentamerone, vuole mettere in luce, dando corpo e voce a tutti i personaggi citati nel testo originale, senza privarli, però, di quell’alone magico che li connota.

Per quanto il cunto risalga al XVII secolo, alcuni passaggi appaiono quantomai attuali: la ricerca forsennata della bellezza, l’inganno e soprattutto l’invidia insita nell’essere umano, quel sentimento negativo che, alla fine porterà alla sua distruzione.

Di Vincenzo Longobardi, Ispirata a Giambattista Basile

“La messa in scena di questo cunto ha da sempre stimolato la mia immaginazione, facendomi approdare, oggi, ad una teatralizzazione del testo basiliano che non tralascia alcun passaggio della versione originale, e fa rivivere sul palcoscenico tutti i personaggi (una decina circa) citati”_ annota Vincenzo Longobardi. “Luci colorate e videoproiezioni condurranno il pubblico in un’ambientazione magica, quella descritta da Giambattista Basile.

E dal momento che si tratta di una fiaba che ha attraversato i secoli e che è stata acquisita dalla tradizione orale per poi divenire opera letteraria, nella stesura del testo ho voluto sottolineare tale passaggio, adottando un linguaggio “mutevole” che parte da una ricercatezza barocca ed approda ad un fraseggio moderno e quindi attuale.

Per quanto riguarda la messa in scena che si avvale di una scenografia essenziale, fatta solo di un grande lenzuolo su cui viene “scritta” la storia, ho voluto conferire grande risalto ai costumi e al trucco degli attori. Il disegno delle luci e le videoproiezioni mi hanno permesso, poi, di far vivere, in un modo inedito, in teatro, quei personaggi che hanno attraversato i secoli, ma che finora sono sempre rimasti simili a delle ombre nella mente di chi ne ha solo udito o letto il racconto.”

Il cast

Il cast : Vincenzo Longobardi, Mauro Toscanelli, Rosa Inserra, Giuliana Adezio, Carmela Rossi, Maila Barchiesi, Orazio Rotolo Schifone, Stefania Venettoni, Ornella Lorenzano, Giampiero Masala, Raffaella Moschella, Aldo Ancora, Bianca Maria Salvati, Grazia Barbero. Luci e suoni, Barbara Cadoni. Costumi, Sorelle Abagnale.

Teatro Lo Spazio, via Locri 43, Roma. Informazioni e prenotazioni 339 775 9351 – 06 77204149 info@teatrolospazio.it.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: