Quali sono i candidati agli Oscar 2021?

Come ogni anno anche nel 2021, malgrado la pandemia di Covid-19, sono uscite le nomination per gli Oscar. Vediamo insieme i candidati e le mie previsioni sui vincitori.

Miglior regia: Lee Isaac Chung – Minari; Emerald Fennell – Una donna promettente; David Fincher – Mank; Thomas Vinterberg – Un altro giro;

Chloé Zhao – Nomadland.
Se le nomination per David Fincher e Chloé Zhao non hanno stupito nessuno, stranisce l’esclusione di Spike Lee per Da 5 Bloods e colpisce l’inclusione di due donne (Fennell e Zhao). Inoltre le due sono diventate la seconda e la terza donna a ricevere nomination per produzione, regia e scrittura (la prima è stata Sofia Coppola per Lost in Translation nel 2003). Chloé Zhao e Lee Isaac Chung sono diventati anche la prima coppia di registi asiatici nominati nello stesso anno.

Previsione: Chloé Zhao – Nomadland.

Miglior sceneggiatura originale: Judas and the Black Messiah; Minari; Una donna promettente; Sound of Metal; Il Processo ai Chicago 7.

Categoria perfettamente bilanciata: Judas and the Black Messiah rappresenta il lato politico-sociale tipico degli Oscar di questi anni; Minari riprende le scelte fatte l’anno scorso con Parasite; Una donna promettente incontra le recente lotte femministe ed il movimento Me Too; Sound of Metal racconta temi socialmente impegnati come la disabilità mentre Il Processo ai Chicago 7

presenta una penna talentuosa e ben conosciuta all’interno di Hollywood (Aaron Sorkin)

Previsione: Aaron Sorkin – Il processo ai Chicago 7.

Miglior sceneggiatura non originale: La tigre bianca; Borat – Seguito di film cinema; The Father; Quella notte a Miami…; Nomadland.

Anche questa categoria è ben bilanciata. A differenza della sezione dedicata alle sceneggiature originali qui troviamo alcune sorprese: la produzione Netflix indiana La tigre bianca e lo sconvolgente Borat – Seguito di film cinema.
Difficile prevedere un vincitore.

Previsione: Christopher Hampton e Florian Zeller – The Father.

Miglior attore protagonista: Riz Ahmed – Sound of Metal; Chadwick Boseman – Ma Rainey’s Black Bottom; Anthony Hopkins – The Father; Gary Oldman – Mank; Steven Yeun – Minari.

Perfetto mix fra attori storici (Hopkins e Oldman) e volti nuovi (Ahmed, Boseman e Yeun). In questo caso, molto probabilmente, ci ritroveremo in una situazione simile a quella del 2009 con Heath Ledger e il suo Joker nel Cavaliere Oscuro.

Prevsione: Chadwick Boseman – Ma Rainey’s Black Bottom.

Miglior attrice protagonista: Viola Davis – Ma Rainey’s Black Bottom; Andra Day – The United States vs. Billie Holiday; Vanessa Kirby – Pieces of a Woman; Frances McDormand – Nomadland; Carey Mulligan – Una donna promettente.
Probabilmente la categoria più combattuta. Viola Davis e Andra Day sono diventate la seconda coppia di attrici nere nominate nello stesso anno da Diana Ross e Cicely Tyson ai 45 ° Academy Awards.
Vanessa Kirby è tra le favorite per la sua vittoria della Coppa Volpi all’ultima edizione della Mostra di Venezia. Non vanno sottovalutate neanche Frances McDormand (che potrebbe vincere il suo terzo Oscar come attrice) e Viola Davis (l’attrice nera più nominata con quattro nomination).
Essendo così combattuta è probabile aspettarsi una sorprendente vittoria.

Previsione: Carey Mulligan – Una donna promettente

Miglior film: Una donna promettente; The Father;  Judas and the Black Messiah; Mank; Minari; Nomadland; Il processo ai Chicago 7;

Sound of Metal.

Forse la categoria più facile da prevedere. I due vincitori più probabili sono Mank (la pellicola che ha ottenuto più nomination) e Nomadland (che ha vinto in quasi tutte le competizioni cinematografiche fra cui il Leone d’oro).
Detto questo, in un anno così burrascoso come il 2020, la selezione per il “Miglior film” è variegata, interessante e di qualità.

Previsione: Nomadland.

Giovanni Salomi

Giovanni Salomi è nato a Busto Arsizio il 12 febbraio 2001. Studente di cinema presso il DAMS di Bologna. Fin da piccolo appassionato di cinema, ha sempre studiato con interesse tutto ciò che sta davanti e dietro le quinte. Dal 2016 al 2020, scrive presso il portale “L’Informazione” con la rubrica “Il film del fine settimana”, nella sezione “Conoscere e sapere”, in cui presenta le pellicole del momento. Per tre anni, co-presenta un programma radiofonico, “B-Movie”, insieme a Giovanni Castiglioni, dove approfondisce e discute le ultime novità nel mondo del cinema. Per svariati anni ha collaborato con i cinema della zona di Busto Arsizio (ha lavorato presso il Teatro Sociale ed il Cinema Lux).

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: