Il sonoro è importante nel cinema?

L’arte del cinema è il matrimonio di due elementi: l’aspetto visivo ed il sonoro. L’uomo che sussurava alle cineprese on WebRadio Senzabarcode.

Gli elementi visivi sono la prima cosa che lo spettatore nota mentre guarda un film mentre il sonoro è più subdolo, è un complesso lavoro di design. Non dovresti notare il sonoro perchè un buon sound design deve essere ben coeso con gli elementi visivi da non essere notato.

In molte pellicole, gli unici suoni registrati sul set sono i dialoghi soprattutto se le riprese sono state fatte in ambienti controllati come i set. Questo permette una maggiore qualità delle voci degli attori. Il resto che senti è stato aggiunto dopo che, grazie ad un lavoro preciso e studiato, non permette allo spettatore di comprendere.

Il sound designer, è il  responsabile di tutto quello che lo spettatore sentirà durante il corso del film (escludendo la colonna sonora).

Vi siete mai fermati a leggere i titoli di coda? Nella sezione dedicata al suono si possono leggere molte professioni dedicate al sound designing del film. Il loro compito è registrare, campionare, processare ed adattare alla scena tutti i suoni necessari alla produzione. Nel podcast abbiamo citato esempi come Fight Club, Star Wars e Harry Potter.

Questo team è diviso in squadre a seconda del tipo di lavoro che devono affrontare. Uno o più gruppi di sound designer hanno il compito è quello di registrare sorgenti sonore esterne (come il traffico, gli aerei, i suoni emessi da animali, ecc.) tramite microfoni dedicati e registratori digitali. Il materiale registrato in esterna viene inserito in un database che viene poi utilizzato dagli FX Editor, il cui compito è quello di editarli e processarli adattandoli alle particolari scene del film.

Tuttavia esistono dei suoni particolari che risultano complicati da produrre e da mettere a sincrono con le immagini effettuando una registrazione esterna. In tal caso si preferisce produrli e registrarli in tempo reale direttamente guardando le scene del film. Per questo compito ci sono i foley artist. Infine tutto questo lavoro viene mixato con la colonna sonora.

Giovanni Salomi

Giovanni Salomi è nato a Busto Arsizio il 12 febbraio 2001. Studente al quinto anno presso il Liceo “Daniele Crespi” Scienze Umane. Fin da piccolo appassionato di cinema, ha sempre studiato con interesse tutto ciò che sta davanti e dietro le quinte. Dal 2016, scrive presso il portale “L’Informazione” con la rubrica “Il film del fine settimana”, nella sezione “Conoscere e sapere”, in cui presenta le pellicole del momento. Dal 2017, co-presenta un programma radiofonico, “B-Movie”, insieme a Giovanni Castiglioni, dove approfondisce e discute delle ultime novità nel mondo del cinema. Da svariati anni collabora con i cinema della zona di Busto Arsizio (per un anno ha lavorato presso il Teatro Sociale ed adesso collabora attivamente al cineforum del Cinema Lux)

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: