Anti abbandono bimbi in auto

Seggiolini auto anti abbandono intervista a Giancarlo Piermartiri, responsabile commerciale di Life Care.

Questa norma, sacrosanta per qualcuno delirante per altri, pare cominciare già con il piede sbagliato. Se è vero, com’è purtroppo vero, sia necessario imporre per legge un dispositivo anti abbandono, che avvisi che si sta dimenticando il figlio in auto, è altrettanto vero che questa nuova disposizione non riesce neppure ad entrare in vigore. Difatti, il decreto attuativo, non ha tenuto in considerazione che nessuno dei prodotti attualmente sul mercato rispetta la norma.

Tra comma e moratorie cerchiamo di fare un po’ di chiarezza con Giancarlo Piermartiri che da anni si occupa di dispositivi salvavita. Nell’intervista che segue, per la #WebRadioSenzaBarcode, Piermartiri cerca di fare il punto della situazione partendo proprio dalla norma e dipanando i dubbi tra le tipologie di dispositivo.

Se neppure esistono ancora in commercio seggiolini o dispositivi aggiuntivi per soddisfare la richiesta cosa devono fare i genitori?

Teniamo anche in considerazione che in Italia solo il 48% dei genitori utilizza il seggiolino per auto, meno del 16% di questi è nel sud Italia o nelle isole. Come è possibile far rispettare una norma che non è ancora stata definita, anche se praticamente entrata in vigore?

L’obbligo dei nuovi dispositivi anti abbandono per i bambini è entrato in vigore giovedì 7 novembre, l’incentivo statale si aggira intorno ai €30 anche se in realtà l’esecuzione non è ancora disponibile perché manca il decreto. Dovrebbe arrivare nei prossimi giorni insieme ad una moratoria, grazie a un emendamento preparato dal Partito Democratico, che farebbe slittare la messa in esecuzione fino al 6 marzo 2020.

La sanzione, per chi viene trovato a viaggiare in auto con un bimbo a bordo senza il nuovo dispositivo anti abbandono, va dagli 81 ai 326 euro (56,70 se si paga entro cinque giorni). Decurtazione di 5 punti della patente, ma si può arrivare addirittura alla sospensione da 15 giorni a 2 mesi se si commette più di una volta la stessa infrazione.

Nei prossimi giorni cercheremo di intervistare anche esperti del codice della strada e rappresentanti politici, per comprendere quello che sta accadendo, soprattutto come soddisfare le richieste e viaggiare in sicurezza.

Foto di Rhonda Jenkins da Pixabay

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: