Disputandum. Titolati senza titoli

Probabilmente è vero, sui gusti non si discute, ma su tutto il resto noi apriamo un dibattito, Disputandum.

Nella ferma convinzione che per essere titolati, non su tutti ma molti argomenti, non è necessario possedere un titolo qualificativo, nasce disputandum titolati senza titoli.

Per Giulio Cesare è bastato un piatto di asparagi per capire che, in fatto di gusti, non c’è una scelta corretta, ma su quali altri argomenti possiamo dire lo stesso?

Perché un contadino non dovrebbe essere preso in considerazione come dirigente? O un pittore non potrebbe avere un’idea illuminata su un determinato argomento lontanissimo dal suo campo? E ancora, perché una ragazza che ha imparato la nail art su youtube non è altrettanto affidabile di una onicotecnica? Un cuoco deve necessariamente aver conseguito il diploma alberghiero per estasiare con i suoi piatti?


Al dibattito saranno invitati quattro ospiti:

  • 1 con i titoli necessari per rispettare tutti i criteri richiesti
  • 1 che si ritiene titolato ma non possiede i titoli, i requisiti
  • Gli altri due saranno opinionisti, fruitori del servizio.

     2. Le location saranno diverse, la sede neutrale è l’hub culturale di SenzaBarcode.

     3. La trasmissione sarà ripresa in diretta facebook, in versione integrale. Nello stesso momento ci sarà un collegamento da una pagina del sito.

     4. Nei giorni successivi sarà costruito un articolo a riassunto dell’incontro, corredato dal video.

Sheyla Bobba

Classe 1978. È presidente dell’associazione SenzaBarcode, direttore e blogger dell’omonimo sito che si occupa di informazione su Roma. È docente di Academy SenzaBarcode e si occupa di web writing e comunicazione.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: