Cronaca

Soggetti non oggetti. Tda in piazza per i diritti animali

Soggetti non oggetti, manifestazione nazionale del comitato tutela diritti animali. Cultura e sensibilizzazione, il l’Italia animalista a Roma.

L’appuntamento è per domenica 31 marzo, dalle 15:00, in Piazza San Giovanni Laterano a Roma. Il Comitato Tutela Diritti animali scende in piazza e organizza la manifestazione denominata “soggetti non oggetti“. Chiede che il codice civile riconosca gli animali come esseri senzienti e che venga modificata la legge che attualmente considera gli animali come “res” ossia cose mobili.

Di conseguenza chiede pene più severe per tutti coloro che maltrattano, torturano, e abbandonano un animale. Circa 140 le associazioni animaliste, provenienti da tutta Italia che hanno già aderito all’iniziativa. Un numero che, secondo gli organizzatori, è destinato ad aumentare.

“Il nostro obiettivo è ambizioso, per il quale già in passato si sono battute diverse realtà animaliste, ma adesso è giunto il momento di urlare a gran voce, tutti uniti le nostre richieste”. Dichiarano dal Comitato di via Laurentina.

Simonetta Tempesti, presidente del comitato Tda dichiara inoltre

“Riteniamo importante partecipare in migliaia da tutta Italia, perché è a Roma che si fanno le leggi e solo in questo modo acquisiremo il potere contrattuale necessario per essere ascoltati dalla politica e dai mercati”.
In Tda ha organizzato anche un pullman per i partecipanti e stretto convenzioni con bed and breakfast e locali della capitale. La manifestazione gode del patrocinio del Comune di Roma Capitale.

Tutte le informazioni alla pagina facebook.

Cultura animalista antispecista e sensibilizzazione, con molti ospiti dal mondo animalista, scientifico e artistico. Non mancheranno video interventi delle personalità che non potranno essere presenti, tra questi Licia Colò, Massimo Wertmuller, il professor Tettamanti ed altri.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!