Non è vero ma ci credo. Gallone e Cricenti

Per la Rassegna letteraria #6SenzaBarcode, nella sede del Partito Radicale, in via di Torre Argentina, 76 – il nuovo libro di Cricenti e Gallone.

Ospiti del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, #SenzaBarcode presenta Giuseppe Ottaviano Cricenti e Fernando Gallone: “Non è vero ma ci credo: come le fake news inquinano la democrazia” edito da Armando Editore.

“Le ideologie populiste riposano su convinzioni che non sono aperte alla verifica fattuale, e che rifiutano di essere sfidate dall’evidenza. Ciò non impedisce alle ideologie populiste di presentare quelle convinzioni come vere, o come aderenti a modelli di verità. Questa attitudine del populismo è diffusa su larga scala e sembra mettere in discussione l’identità tra fatti e verità …”

Così si presenta il lavoro di Cricenti e Gallone

Dalla Prefazione di Stefano Folli : “Il maggior produttore di fake news, in ogni tempo della storia, è il potere. Il potere in ogni sua espressione, ma innanzitutto il potere politico: falsità e manipolazioni sono spesso sue figlie legittime”

Fernando Gallone

Avvocato. Esperto di diritto amministrativo e diritto del Lavoro. Già Responsabile nazionale dell’area “Economia e pubblica Amministrazione” di Italia dei Valori, di cui è anche stato consulente giuridico ( 2011- 2012). Curatore e docente in corsi di formazione per amministratori di Enti locali, ha collaborato, in qualità di consulente legislativo, con Gruppi politici in Parlamento e presso il Consiglio Regionale del Lazio.

Giuseppe Cricenti

Consigliere della Corte Suprema di Cassazione. È stato membro della Commissione di riforma del diritto societario e del codice di procedura civile e consulente dell’ufficio legislativo del Ministero di Giustizia. Ha fondato e dirige la rivista “Biodiritto”. Autore di oltre 100 pubblicazioni in materia di diritti della persona e bioetica, attualmente insegna bioetica e diritto all’Università di Tirana.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

Un pensiero su “Non è vero ma ci credo. Gallone e Cricenti

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: