Il fenomeno Bruno Gröning. Azzurro Scipioni e Teatrino

Uno sguardo differente sulle origini della salute, della malattia e delle dipendenze, attraverso gli insegnamenti di Bruno Gröning.

Sarà proiettato domenica 27 gennaio in contemporanea a Roma e a Tivoli il film diretto da Thomas Eich, Il fenomeno Bruno Gröning. Racconta la vita e l’impegno di un laico tedesco dalla forte spiritualità e ripercorre la via da lui indicata verso l’equilibrio psico-fisico, in armonia con se stessi e con l’ambiente circostante.

Potremo vedere questo documentario, in lingua originale con i sottotitoli in italiano, a Roma, presso il cinema Azzurro Scipioni, in via degli Scipioni,82 (Matro A Ottaviano) dalle ore 10.00 alle 16.00 (con 2 pause, compresa la pausa pranzo) e a Tivoli, presso il Teatrino di via del Collegio,6 dalle ore 11.00 alle 17.00 con 2 pause, compresa la pausa pranzo).

Il film, che si sviluppa attraverso documenti audio originali materiale d’archivio, dà voce ai testimoni dell’epoca e alle guarigioni da loro ottenute, fatti straordinari e inspiegabili che conquistarono le prime pagine sui giornali dell’epoca.

Per il suo aiuto Bruno Gröning rifiutava di accettare anche un solo centesimo

Anche oggi, a distanza di 60 anni, si verificano i benefici di questo insegnamento, che vengono raccolti all’interno del “Circolo per l’Aiuto Naturale nella Vita”, associazione di volontariato diffuso in tutto il mondo attraverso le comunità, che già Bruno Gröning in vita aveva fatto nascere.

Per l’impegno nella promozione della pace e della tolleranza, nel 2013 il “Circolo” è stato premiato, presso la sede dell’Onu, con il “Peace Pole” da parte della Ong World Peace Prayer Society. Ingresso libero a offerta volontaria.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: