Il Conservatorio Santa Cecilia di Domenico Carboni

Conservatorio di musica Santa Cecilia, 140 anni di musica e cultura e la partnership con Fiera Roma, ed il prezioso volume di Domenico Carboni.

Una joint venture come ci sta abituando la Fiera di Roma, un matrimonio, quello con il Conservatorio Santa Cecilia, dalla quale ci si aspetta cultura, cose belle, nutrimenti per l’anima ed eleganza. In occasione della presentazione del libro di Domenico Carboni, storico bibliotecario del San Cecilia, Pietro Piccinetti, amministratore unico di Fiera Roma è il presidente del Conservatorio Adolfo Vannucci hanno presentato la partnership. Un vero e proprio patto di supporto e collaborazione tra una realtà che nasce con l’obiettivo di catalizzare economia e sviluppo sul territorio ,quale è la Fiera, e il Conservatorio Santa Cecilia che  è un incubatore culturale ed artistico.

Dell’incontro tra il direttore e l’amministratore se ne parla nella sala dell’organo del conservatorio – lo strumento è stato costruito nel 1894 e rende la serata ancora più preziosa – “Noi qui facciamo musica” racconta Adolfo Vannucci “musica che molte volte non esce da questo Istituto prestigioso e lui – indicando Pietro Piccinetti – organizza cose importantissime per l’economia italiana … e da una chiacchierata brevissima è venuto fuori un accordo in base al quale il Conservatorio Santa Cecilia diventerà la musica dell’Ente Fiere”.

Tra gli obbiettivi principali di Fiera Roma c’è la cultura. Muovere l’economia con la cultura, oggi, grazie al Conservatorio, questi progetti hanno anche una colonna sonora.

Storia del conservatorio di musica Santa Cecilia

L’opera di Domenico Carboni per i tipi di Zecchini, è il racconto della vita dell’Istituto, dal 1869 ai giorni nostri. Un lavoro prezioso quello di Domenico Carboni -per 9 anni allievo e per 31 docente e bibliotecario- che ha voluto ripercorrere questo lungo cammino che termina nel 1999 quando la legge di riforma 508 ha trasformato la fisionomia storica dei conservatori facendone Istituti di Alta Formazione di livello universitario.

È una grande storia ricostruita attraverso i documenti ma senza tralasciare notizie inedite, curiosità e le memorie dei protagonisti più celebri.

Sheyla Bobba

Sheyla Bobba, classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. Nello stesso anno, la collana editoriale SenzaBarcode prende una forma concreta, alla fine dell'anno successivo ha in catalogo 14 titoli, la collaborazione con CTL Editore diventa più solida e performante. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. Le presentazioni dei libri aumentano a dismisura: online e offline, interviste per la WebRadio, articoli, vere e proprie conferenze, convegni e dibattiti. Gli autori emergenti hanno ormai un ruolo di primissimo piano nelle mie attività. Nel 2022 chiudiamo l'Associazione culturale SenzaBarcode e SBS Comunicazione è diventato ormai una realtà affermata, riferimento di Autori emergenti. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.sbscomunicazione.it - www.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it - www.libri.senzabarcode.it

Un pensiero su “Il Conservatorio Santa Cecilia di Domenico Carboni

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: