Booktique, for curious minds

Nel cuore di Roma c’è Booktique, un po’ boutique, un po’ libreria, un po’ centro culturale. Dalla ricerca delle cose belle alla vendita al dettaglio.

Ampia offerta di libri d’arte e fotografia, ma non mancano prodotti di design, lifestyle ed una selezione di accessori hi-tec che strizza l’occhio ai millennials. Questo è molto altro è Booktique, un progetto che nasce dalla partnership tra Daniele e Fabio Ciccaglioni e Filippo Radunto che hanno unito le loro esperienze maturate nel mondo dei bookshop museali, librerie indipendenti e galleristi per dar vita a quello che si attesta ad essere un nuovo spazio culturale nel panorama romano.

Booktique è stata inaugurato giovedì 24 maggio ma in via della stelletta 17 sono già 3 mesi che il concept store si distingue grazie ad un’accurata selezione di oggetti di design, complementi d’arredo ed illuminazione, stampe, gadget e raffinata cartolibreria.

Perché ci piace Booktique?

Quello che attira particolarmente la nostra attenzione e l’accurata selezione di libri d’arte e di edizioni ricercate e limitate, di arredamento, moda e lifestyle. Non è quindi, semplicemente, un negozio di oggettistica, ma è piuttosto la tappa di un percorso che  i tre titolari hanno intrapreso anni fa.

Tra la selezione di ricercati vinile, i testi dedicati alla città eterna e l’angolo fashion, le sale di Booktique possono trasformarsi in perfette location per presentazioni letterarie, degustazioni, o altri eventi. E per finire Booktique curerà le collezioni di libri e le librerie per alberghi, residenze private, e spazi commerciali fornendo anche consulenza specializzata in ogni fase, pensando ad una strategia su misura per ogni necessità.

Per restare sempre informati.

 

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: