Virginia Raggi querela Michel Maritato per calunnie e diffamazioni

Comunicato alla stampa da Assotutela “Il sindaco di Roma Virginia Raggi mi ha querelato per calunnie e diffamazione di materiale che la inchioda”.

A rivelarlo è in queste ore Michel Maritato, presidente di Assotutela, storica associazione che difende le istanze e i diritti delle famiglie e denuncia quotidianamente le criticità di vivibilità nel territorio capitolino e regionale. Per la pubblica opinione sarebbero ancora da comprendere le ragioni che hanno condotto la prima cittadina in quota Movimento 5 Stelle a portare la questione in tribunale.

Ma Michel Maritato si mostra comunque molto tranquillo, sicuro di essersi sempre rivolto alla sindaca Virginia Raggi senza mai varcare i confini della legge e, soprattutto, parlando con le carte in mano.

Sulla questione il presidente di Assotutela non a caso sottolinea: “Sono meravigliato ma anche molto orgoglioso che la Raggi tenga così in considerazione quello che dico. Vuol dire che ci sente, pur non rispondendo direttamente ai quesiti che giornalmente le pongo sulla sua attività di governo: la Raggi evidentemente preferisce rispondermi, rivolgendosi a un giudice di tribunale – ironizza Maritato -.

Sono convinto che le accuse di calunnia e diffamazione nei miei confronti cadranno nel vuoto. In tutti i modi, al processo ne vedremo delle belle. Se la querela è un modo per intimorirmi? La prima cittadina sappia che ha davvero preso un granchio”, continua Michel Maritato che poi passa al contrattacco: “Se è così onesta come dice di essere, Virginia Raggi dica ai cittadini romani se la denuncia nei miei riguardi verrà pagata con i suoi soldi o con quelli dei romani. Renda pubblica la documentazione relativa alla parcella degli avvocati.

Se è trasparente come crede, la sindaca della Capitale non avrà sicuramente problemi a farlo”, conclude Michel Maritato.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: