Giudici e Picone FdI Municipio XII “CRI mente sapendo di mentire”

Dichiarazioni di Marco Giudici e Giovanni Picone, consiglieri del Municipio XII di Fratelli d’Italia. Struttura CRI esclusa da Prefetto per carenza requisiti.

Se l’intento della CRI -Croce Rossa Italia-  era quello di smentire l’autorevole voce di un consigliere regionale che rappresenta le preoccupazioni dei cittadini e rappresenta oggettivamente i gravi fatti che capitano costantemente all’interno della tendopoli di Via Ramazzini, dall’ente stesso arriva la conferma sull’ennesimo caso di violenza tra i migranti ospitati nella struttura.

In merito all’inagibilità dell’hub di via Ramazzini vorremmo sapere dove è la legalità di cui parla la CRI? Basta andare sul sito della Prefettura è reperire tutta la documentazione con cui la CRI stessa viene esclusa parzialmente dal nuovo bando per il 2017 per l’accoglienza a causa della carenza di requisiti urbanistico-sanitari. Come può continuare a rimanere aperta una struttura che viene esclusa dal Prefetto per carenza di requisiti? Inoltre non esiste alcun atto pubblicato inerente la manifestazione d’interesse relativa all’hub per l’anno 2016, né si trova alcun riferimento su quanto incassa la CRI per la gestione di questa struttura, con quale personale e con quali certificazioni. Ma soprattutto sono assenti gli atti di proroga da dicembre ad oggi di questa tendopoli. Vietato quindi usare il termine trasparenza.

La tendopoli ha creato disagi in tutto il territorio limitrofo ed è urgente chiuderla per ripristinare una situazione di serenità tra i cittadini”.

Ecco le comunicazione ufficiali della Prefettura di Roma di esclusione parziale della Cri per carenza di requisiti urbanistico-sanitari.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: