Cronaca

Carol Maritato, a Sanremo seguendo il sogno

Abbiamo avuto la fortuna di ricevere un grande regalo Carol Maritato aveva cantato per SenzaBarcode, oggi ci parla da Sanremo!

“L’amore per la musica ce lo portiamo dentro fin da piccoli. È una passione. E come tutte le passioni ci spinge a dare di più, sempre di più”. È con questo spirito che Carol Maritato sta partecipando all’attuale edizione di Casa Sanremo con il forte brano “Io dentro te”, il cui testo è stato scritto da Gianni Testa mentre l’arrangiamento è di Francesco Bellani.

Nonostante la giovanissima età, la cantante romana vanta già esperienze rilevanti alle edizioni del Cantagiro. Proprio in queste occasioni è riuscita a stregare il pubblico con la sua voce. Adesso la nuova avventura di Casa Sanremo sta per concludersi.In programmazione su Sky. Domani si conosceranno i nomi dei finalisti si emetterà il verdetto.

Carol Maritato è in trepida attesa. Sa di avere intorno colleghi validi, ma è determinata e fiduciosa perché come spesso ama ripetere per lei cantare è un privilegio, per lei cantare è riuscire a dire con la musica quel che non si riesce a dire nella vita di tutti i giorni.

In questo passaggio, in questo momento di verità Carol deve esserci. Carol deve deliziarci con la sua voce e la sue interpretazioni.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Appassionata di comunicazione e informazione fin da bambina. Non ha ancora 10 anni quando chiede una macchina da scrivere come regalo per il sogno di fare la giornalista. A 17 anni incontra un banchetto del Partito Radicale con militanti impegnati nella raccolta firme per l’abolizione dell’Ordine dei Giornalisti e decide che avrebbe fatto comunicazione e informazione, ma senza tesserino. Diventa Blogger e, dopo un po’ d’inchiostro e font, prende vita il magazine online SenzaBarcode.it Qualche tempo dopo voleva una voce e ha creato l’omonima WebRadio. Con SBS Comunicazione e SBS edizioni si occupa di promozione editoriale e pubblicazione. Antipatica per vocazione. Innamorata di suo marito. Uno dei complimenti che preferisce è “sei tutta tuo padre”.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!