AssoTutela su smog e polveri sottili ” Raggi tuteli la salute dei romani”

Michel Emi Maritato, presidente di Assotutela “Di polveri sottili si muore. La sindaca Raggi tuteli la salute dei romani o si dimetta”

“L’inquinamento da polveri sottili è una vera emergenza sanitaria. Lo studio del dipartimento di epidemiologia del servizio sanitario regionale del Lazio parla chiaro: soltanto a Roma, dal 2006 al 2015 sono stati più di 12mila i decessi prematuri attribuibili all’inquinamento da polveri sottili”.

Lo dice Michel Emi Maritato, presidente di Assotutela

“È sufficiente questo dato – spiega Maritato – per comprendere che i blocchi del traffico o le targhe alterne, unici provvedimenti adottati dalle varie giunte capitoline in questi ultimi dieci anni, sono stati provvedimenti tampone. Ma anche in questo settore la sindaca Raggi non ha saputo far altro che copiare i suoi predecessori, riproponendo le stesse decisioni”.
“Roma invece necessita di un piano strategico per la mobilità sostenibile – aggiunge Maritato – Occorrono misure strutturali: bisogna disincentivare l’uso delle auto private potenziando il trasporto pubblico; è poi necessario riconvertire a metano l’autoparco di Atac, Ama e Polizia Locale, sono inoltre fondamentali i parcheggi di scambio intermodali alle porte della città”.

“Insomma – conclude Maritato – ci sarebbe da lavorare per portare Roma a livello delle altre capitali europee, basti pensare a Berlino ci sono 317 auto ogni mille abitanti, a Roma 706. Ma è chiaro che la sindaca Raggi non è in grado di governare.

Ed è per questo che dovrebbe dimettersi, perché a Roma ormai si naviga a vista e si muore di smog”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: