Maritato “attività delle Commissioni precipitata, città sprofonda”

Michel Emi Maritato (Assotutela): “Con la sindaca Raggi l’attività delle Commissioni è precipitata. La città sprofonda nel degrado”.

Dichiarazioni di Michel Emi Maritato, presidente di Assotutela. “Non solo delibere per contratti a termine e consulenze. C’è altro. Nei primi sei mesi della giunta Raggi il nostro ufficio studi ha rilevato una sensibile diminuzione del lavoro sul colle capitolino. Un lavoro che, se paragonato a quello dell’ex sindaco Marino – fa quasi rimpiangere quest’ultimo”.

“Nello specifico – spiega Maritato – ci riferiamo all’attività delle commissioni capitoline, dove abbiamo rilevato una sensibile diminuzione delle sedute e quindi dei conseguenti provvedimenti analizzati e approvati. Provvedimenti che avrebbero potuto contribuire a rilanciare la città. Ma così non è stato. A titolo esemplificativo noi di Assotutela vi diamo due numeri: spulciando il sito istituzionale abbiamo rilevato che nei primi sei mesi di attività dell’ex sindaco Dem le riunioni di commissioni erano state quasi settecento, nello stesso arco temporale con la sindaca Raggi le commissioni convocate si sono quasi dimezzate precipitando a 370”.

“Eppure – spiega Maritato – le commissioni sono state istituite per realizzare un più incisivo svolgimento delle funzioni di indirizzo e controllo politico-amministrativo e per una più approfondita e specifica trattazione delle materie di competenza dell’Assemblea”. “E così – conclude Maritato – l’era Raggi che tanto doveva far sognare i romani, che tanto doveva portare in termini di cambiamento, sta rivelando la sua vera natura: una brutta copia di pensieri e proclami polverosi rimasti chiusi in un cassetto”.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: