Nessun aumento delle tariffe nei mercati rionali di Roma

Meloni “nessun aumento delle tariffe nei mercati rionali, ma investimenti trasparenti per riqualificazione strutture”.

“Sui mercati rionali non abbiamo aumentato le tariffe e non lo faremo in futuro. Vogliamo anzi investire nella riqualificazione delle strutture che non è stata realizzata finora in maniera efficiente. Vogliamo farlo perché gli operatori meritano di lavorare in strutture sicure”. A dirlo l’assessore allo Sviluppo economico Adriano Meloni in merito ad alcune notizie riportate dalla stampa su presunti aumenti dei costi a carico degli operatori dei mercati rionali.

“Da oltre 10 anni le AGS (Associazioni di gestione servizi) gestiscono in regime di convenzione oltre l’80% dei mercati coperti e plateatici attrezzati della Capitale.

In questi anni vigeva un accordo per cui le Ags hanno incassato l’80-90% delle quote di occupazione suolo pubblico versate dagli operatori lasciando al Comune solo il 10-20%. Questo modello era finalizzato a finanziare le attività di manutenzione ordinaria, guardiania e pulizia delle strutture mercatali”, spiega.

“Ad oggi molte strutture presentano criticità che si sono accumulate nel tempo. Da un’analisi dei bilanci presentati negli ultimi 2 anni dalle singole AGS è emerso che l’importo utilizzato in maniera coerente con le voci di spesa per la manutenzione raggiunge mediamente il 50%, a fronte di quote trattenute dalle AGS che sono arrivate fino al 90% del totale.

Per questo, non volendo aumentare le tariffe a carico degli operatori, l’Amministrazione – conclude – intende ora impegnare questi fondi in maniera diretta, efficace e trasparente per il rilancio dei mercati”.

Sheyla Bobba

Classe 1978. Qualche titolo pubblicato qua e là parlando di questo e di quello. Inizio a lavorare con le parole quando ho 15 anni, in una redazione di un quotidiano locale: battevo i necrologi. Poi me li fecero scrivere. Ho scritto per la carta e poi mi sono innamorata del web writing. Ho costruito il mio primo (orribile) sito nel 2002, un .tk Nel 2012, dopo svariata acqua sotto i ponti e tante esperienze diverse ho fondato SenzaBarcode.it organo dell'omonima associazione. Gli obbiettivi principali sono: il diritto di tutti a fare informazione (ne consegue il dovere di tutti di informarsi) e il diritto alla conoscenza. Insomma, cosette. Nel 2019 (dopo 4 anni che ci rimuginavo, studiavo e prendevo coraggio) apro la webradio di SenzaBarcode: grazie a una meravigliosa squadra che credo mi trovi simpatica perchè proprio non mi molla. Il 2020 è l'anno della webradio, mi assorbe completamente (e io mi faccio assorbire per superare un anno a dir poco devastante). Tantissimi podcast, X numero di dirette e interviste, insomma l'esplosione. A gennaio 2021 grandi manovre per l'hosting: la webradio si sposta da una piattaforma esterna all'interno: i numeri salgono e salgono. A febbraio 2021 compilo questa biografia. Antipatica per vocazione. Innamorata di mio marito. Uno dei complimenti che preferisco è "sei tutta tuo padre". www.senzabarcode.it - www.associazione.senzabarcode.it - www.webradio.senzabarcode.it

error: Condividi, non copiare!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: