Finanziaria 2017 Regione Lazio: Storace “tasse e tagliato servizi in sanità”

Storace: “finanziaria 2017: Zingaretti non ha risparmiato un solo euro in sanità ma ha aumentato tasse e tagliato servizi”.

Francesco Storace vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio a proposito della finanziaria 2017. “Altro che risanamento! Altro che uscita dalla crisi della sanità! I conti di Zingaretti sono tutt’altro che in ordine e la verità comincia a venire a galla. Mani bucate…

Nella cornice sbadigliante del  consiglio regionale si è cominciato a capire ieri che non è tutto oro quel che luccica. E la palma della chiarezza va a Pietro Sbardella, consigliere del gruppo misto, che ha denunciato come stanno le cose. Non ci sono solo i trenta miliardi di debito della regione Lazio spiattellati dalla Corte dei Conti; ma c’è anche la sorpresa che Zingaretti non ha risparmiato un solo euro nella gestione delle politiche della salute. In compenso, tasse come mai si erano viste e tagli con l’accetta. È tutto scritto nell’ultima relazione della magistratura contabile e Sbardella, presidente del gruppo misto e militante del centrodestra, ha messo le cifre una accanto all’altra.

Spariscono 60 milioni dal sociale, 5 dalla cultura, un altro bel gruzzolo dalla differenziata, e poi il resto della magia.

Quando Zingaretti prese in mano le redini della regione, il disavanzo nella sanità era a 650 milioni. Finora il governatore raccontava – ma lo diceva solo lui – di essere sceso a 150. È la solita balla stratosferica a beneficio dei gonzi. In realtà, nell’anno di grazia 2013, lo Stato versava alla regione Lazio 9,510 miliardi di fondo sanitario. Ora si arriva alla bellezza di 10,250 miliardi.

L’aumento è di ben 740 milioni l’anno. Sfido io a governare così. È praticamente il solito imbroglio propagandistico, tenuto conto anche dei 400 milioni che ci sono stati finalmente riconosciuti dopo anni e anni di battaglie che risalgono addirittura alla mia amministrazione, per il riconoscimento dell’aumentato peso demografico del territorio. Non solo Zingaretti incassa molto di più dallo Stato rispetto a chi lo ha preceduto, ma vuole continuare a spremere i cittadini, visto che è sparito, nella manovra finanziaria 2017, ogni riferimento alla fine del commissariamento della sanità.

Fanno comodo al governatore quei 900 milioni che ogni anno scuse ai contribuenti del Lazio tra Irpef e Irap. Fa uno sconto equivalente a meno di mezzo caffè al giorno e in compenso taglia in maniera brutale i servizi sanitari, a partire dai reparti ospedalieri. È virtuoso il governatore? Nemmeno per idea, visto che non muove dalle poltrone – salvo fuga dei diretti interessati – i direttori generali spendaccioni degli ospedali romani, che vantano disavanzi annuali da record. Per non parlare delle liste d’attesa, che sono sempre più memorabili quanto a negatività delle prestazioni. Ormai i malati devono rivolgersi al privato o ad altre regione; ed è davvero un peccato perché la sanità laziale – con i suoi professionisti – non avrebbe nulla da invidiare al resto d’Italia.

Ma la regione taglia e non valorizza. E il malato emigra o non si cura.

In queste ore ci batteremo per tentare di correggere gli aspetti più iniqui della manovra di Zingaretti, puntando a controllare direttamente i conti degli ospedali in piano di rientro. Ma già sappiamo che la maggioranza non tollera che qualcuno ficchi il naso nei suoi affari sanitari”.

Lo scrive su Il Giornale d’Italia Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra e vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: