Cronaca

Incuria ciclabili. Ciclista deceduto su pista Magliana

Ciclabili, Ecoitaliasolidale: Comune rimane latitante, invieremo segnalazione stato ciclabili al parlamento europeo ed al prefetto di Roma.

“In attesa che si faccia piena luce sull’evento che è costata la vita ad un ciclista nel tratto della ciclabile della Magliana, causato dalla mancanza di una adeguata segnaletica e dalla carenza di manutenzione, vorremmo ricordare come da mesi stiamo  denunciando il degrado assoluto in cui versano le ciclabili a Roma“.

“Proseguiamo  a sottolineare lo stato di incuria delle piste ciclabili adiacenti le sponde del Tevere, queste ultime lasciate anch’esse nel massimo abbandono e che non garantiscono la sicurezza degli utenti. A poche ore dal tragico evento della Magliana, nel tratto della ciclabile fra Ponte Marconi verso il centro, un motorino ha percorso a forte velocità fra i ciclisti un tratto della pista”.

“Le ragioni dei ciclisti romani verranno raccolte in un dossier che in questi giorni invieremo alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo per chiedere un intervento della Comunità Europea al fine di sollecitare l’Amministrazione di Roma Capitale a non rimanere latitante rispetto ad una situazioni ormai fuori controllo in cui versano le rive del Tevere e le piste ciclabili.

Analogo documento lo invieremo al Prefetto di Roma perché’ riteniamo impossibile lasciare le piste ciclabili abbandonate e fonte di costante pericolo”.

È quanto dichiarano in una nota Piergiorgio Benvenuti e Fabio Ficosecco, rispettivamente  Presidente Nazionale e Segretario romano del Movimento Ecologista, Ecoitaliasolidale.

SenzaBarcode Redazione

SenzaBarcode è informazione libera a 360° ! Si parla di attualità, politica, società, cultura, famiglia ma anche notizie e articoli su argomenti più leggeri come lo sport, internet e MOLTO ALTRO! Notizie fornite con occhio personale ma aperto a commenti e dibattiti. Nella redazione di SenzaBarcode lavorano molte persone diverse tra loro ciascuna con la sua storia ed il suo bagaglio culturale, ed è questa disomogeneità – unita al rispetto – che fa sì che l’informazione sia sempre genuina, priva di condizionamenti di qualsiasi tipo e specialmente multi laterale. Tante penne per fare informazione libera e di qualità. Le regole in SenzaBarcode, rispetto della dignità umana e nessun tipo di violenza.

Cosa ne pensi?

error: Condividi, non copiare!